Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Legittimo il differimento degli effetti dell'estinzione societaria ai fini accertativi

20 Luglio 2020 | di Giovambattista Palumbo

Corte Costituzionale

Estinzione delle società di capitali

Le scelte fatte con l'art. 28, comma 4, del Dlgs. n. 175 del 2014, in ordine al differimento quinquennale degli effetti dell'estinzione societaria ai soli fini della validità ed efficacia degli atti di liquidazione, accertamento, contenzioso e riscossione relativi a tributi e contributi, sanzioni e interessi, sono quindi coerenti con gli obiettivi di razionalizzazione dell'azione amministrativa in materia di attuazione e accertamento dei tributi perseguiti dalla delega.

Leggi dopo

La fusione per incorporazione e il rapporto di cambio tra azioni di risparmio dell'incorporata e azioni ordinarie dell'incorporante

13 Luglio 2020 | di Alessandro Paccoi

Cass. Civ.

Fusione: disciplina generale

Nel caso di fusione per incorporazione, il rapporto di cambio tra azioni di risparmio della società incorporata e azioni ordinarie della società incorporante deve calcolarsi tenendo conto che il valore delle prime non è necessariamente coincidente con quello delle azioni ordinarie della stessa incorporata

Leggi dopo

La responsabilità personale del liquidatore ex art. 2495, comma 2, c.c. verso i creditori sociali dopo l'estinzione della società

08 Luglio 2020 | di Tiziana Cappelletti

Cass. Civ.

Liquidazione di società di capitali

Sussiste la responsabilità personale illimitata (extracontrattuale) dell'ex liquidatore nei confronti dei creditori sociali insoddisfatti qualora, dopo la cancellazione della società dal Registro delle Imprese, il terzo leso nei propri diritti creditori verso la società estinta dimostri in giudizio la sussistenza del proprio credito, certo, liquido ed esigibile al tempo della liquidazione, il danno subìto per effetto del comportamento doloso/colposo dell'ex liquidatore che abbia omesso di effettuare una completa ricognizione dei crediti/debiti sociali esistenti al tempo della liquidazione...

Leggi dopo

E' segreto industriale anche il processo con cui un'azienda assembla ed organizza singoli elementi di conoscenza, anche se noti al pubblico

01 Luglio 2020 | di Ciro Santoriello

Cass. Pen.

Know how

L'ambito di applicazione dell'art. 623 c.p. va oltre la sfera di protezione predisposta dall'ordinamento civilistico per l'invenzione brevettabile posto che, ai fini della tutela penale del segreto industriale, novità (intrinseca od estrinseca) ed originalità non sono requisiti essenziali delle applicazioni industriali, poiché non espressamente richiesti dal disposto legislativo e perché l'interesse alla tutela penale della riservatezza non deve necessariamente desumersi da questi attributi delle notizie protette.

Leggi dopo

L'accordo fiduciario di cessione di partecipazioni sociali non richiede la forma scritta

25 Giugno 2020 | di Paolo Cagliari

Cass. Civ.

Trasferimento della partecipazione in società di persone

L'accordo fiduciario avente per oggetto il trasferimento di quote di partecipazione in una società, indipendentemente dall'eventuale esistenza di immobili nel patrimonio di questa, non richiede la forma scritta né ad substantiam né ad probationem.

Leggi dopo

Finanziamenti per acquisti di azioni proprie: l'applicazione del divieto dell'art. 2358 c.c. anche alle cooperative (il caso delle c.d. “baciate”)

18 Giugno 2020 | di Valerio Sangiovanni

Tribunale di Treviso

Acquisto e sottoscrizione di azioni proprie

In tema di azioni proprie, se una banca eroga un finanziamento destinato all'acquisto di azioni emesse dalla banca stessa, si configura una violazione dell'art. 2358 c.c., regola applicabile anche alle banche costituite in forma di società cooperative...

Leggi dopo

La configurabilità della bancarotta c.d. “riparata” in ipotesi di società ammessa al concordato preventivo e poi fallita

10 Giugno 2020 | di Enrico Corucci

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Ai fini della configurabilità del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale, il pregiudizio ai creditori deve sussistere al momento della dichiarazione giudiziale di fallimento o del decreto di ammissione al concordato preventivo e non già al momento della commissione dell'atto antidoveroso.

Leggi dopo

I compensi degli amministratori sono deducibili solo se deliberati

03 Giugno 2020 | di Francesco Spina

Cass. civ.

Amministratori di s.p.a.: nomina, revoca e compensi

Non sono deducibili per la società che li ha erogati, i compensi degli amministratori che non siano stati preventivamente deliberati. Tale indeducibilità colpisce anche i compensi che, dapprima deliberati, siano stati poi previsti, con una nuova delibera, soltanto a decorrere dal periodo d'imposta successivo...

Leggi dopo

Marketplace: uso del marchio altrui nello stoccaggio di beni contraffatti

27 Maggio 2020 | di Gianluca De Cristofaro, Matteo Di Lernia

Corte di Giustizia UE

Marchi

Un soggetto che conservi per conto di un terzo prodotti che violano un diritto di marchio, senza essere a conoscenza di tale violazione, si deve ritenere che non stocchi tali prodotti ai fini della loro offerta o della loro immissione in commercio ai sensi delle succitate disposizioni, qualora non persegua essa stessa dette finalità.

Leggi dopo

Deducibilità dei costi della stabile organizzazione

20 Maggio 2020 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ.

Società di capitali

Ai sensi dell’art. 7 della Convenzione tra Italia e Stati Uniti d'America, la stabile organizzazione, dal punto di vista fiscale, è un'entità distinta ed autonoma rispetto alla casa madre, i cui redditi, prodotti nel territorio dello Stato, sono assoggettati ad imposta, ai sensi dell'art. 23, comma 1, lett. e), Tuir.

Leggi dopo

Pagine