Focus

Focus

La proroga della sospensione della disciplina sulla riduzione obbligatoria del capitale a copertura di perdite

09 Dicembre 2020 | di Claudio Sottoriva, Andrea Cerri

Riduzione del capitale sociale per perdite

L'art. 6, comma 1, del decreto Liquidità ha sospeso gli obblighi di riduzione del capitale derivanti da perdite superiori al terzo del capitale sociale, nel periodo intercorrente tra il 9 aprile 2020, data di entrata in vigore del decreto, e il 31 dicembre 2020. In sede di conversione in legge del d.l. 28 ottobre 2020, n. 137 (decreto Ristori) recante ulteriori misure urgenti in materia di tutela della salute, sostegno ai lavoratori e alle imprese, giustizia e sicurezza, connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19 (attualmente in corso di esame da parte del Senato) è stata prevista la proroga della disposizione contenuta nel citato art. 6, fino alla data del 31 dicembre 2021.

Leggi dopo

Pignoramento di quote e diritto di accesso alla documentazione sociale nelle s.r.l.

30 Novembre 2020 | di Ottavia Civitelli

Pignoramento di quote sociali

Le partecipazioni sociali possono essere sottoposte a vincoli idonei a limitare le prerogative del socio titolare. Tali vincoli possono derivare dalla costituzione dei diritti reali parziari di pegno e usufrutto, oppure da sequestro o pignoramento. L'autore si concentra sulla spettanza del potere di controllo di cui all'art. 2476 comma 2 c.c., in caso di quote di s.r.l. sottoposte a pignoramento.

Leggi dopo

Il confine tra norme di deontologia professionale e disposizioni di carattere generale nei Principi di comportamento del Collegio sindacale 2020

23 Novembre 2020 | di Enrica Perusia

Collegio sindacale di s.p.a.: poteri, doveri e responsabilità

Il CNDCEC ha posto in pubblica consultazione la versione aggiornata dei Principi di comportamento del Collegio Sindacale di società non quotate. Pur trattandosi sostanzialmente di un documento di autodisciplina di un ordine professionale (Norme di deontologia professionale), i principi in esso espressi assurgono pur sempre, in qualche modo, a “regole” a rilevanza esterna. L'Autrice intende fornire un contributo costruttivo stimolando qualche ulteriore riflessione sull’impostazione generale che sembra volersi dare ai rapporti tra gli attori del governo societario e portando l’attenzione del CNDCEC sui rischi di alterazione degli equilibri tra gli stessi.

Leggi dopo

Il decreto ministeriale sul Registro unico nazionale del Terzo settore: verso la concreta operatività della riforma

18 Novembre 2020 | di Francesco Sanchini

Enti del Terzo settore

Il decreto sul Registro unico nazionale rappresenta uno dei provvedimenti senz'altro più attesi per tutti gli interpreti ed operatori del mondo del Terzo settore. Il contributo intende approfondire, con approccio critico, gli aspetti più significativi di tale atteso intervento, cercando in particolare di evidenziarne il ruolo all'interno del più ampio processo di attuazione della riforma della materia.

Leggi dopo

Quid juris se il collegio sindacale, nella relazione ex art. 2429 c.c., non si pronuncia sull’approvazione del bilancio?

10 Novembre 2020 | di Marina Spiotta

Relazione dei sindaci e deposito del bilancio

La messa in consultazione delle nuove Norme di comportamento del collegio sindacale delle società non quotate offre l’occasione per proporre qualche sintetica riflessione sul combinato disposto della nuova versione dell’art. 7 con l’art. 38 quater del d.l. n. 34/2020.

Leggi dopo

La complessa dinamica dell'onere probatorio nella holding di fatto

04 Novembre 2020 | di Biagio Riccio, Clara Letizia Riccio

Società occulte

Il contributo tratteggia l'istituto dell'holding di fatto, alla luce delle recenti pronunzie della Suprema Corte, con l'essenziale e indiscusso apporto della tradizionale dottrina, in tema di impresa occulta e abuso della persona giuridica.

Leggi dopo

Diritto tedesco: applicazione analogica dell’indennità di fine rapporto a norma del HGB al concessionario di vendita

26 Ottobre 2020 | di Jens Magers

Società di capitali

L’indennità di fine rapporto ai sensi del § 89 b Handelsgesetzbuch, introdotta nel codice di commercio tedesco (qui di seguito il “HGB”) con legge del 6 agosto 1953, è sempre stata in Germania argomento di discussione in dottrina. Da un lato, il conflitto di interessi tra il preponente e l’agente di commercio alla base della indennità di fine rapporto è di per sé fonte di notevoli tensioni dopo la cessazione del rapporto contrattuale. Dall’altro lato, questa disposizione viene regolarmente criticata per la sua formulazione imprecisa per quanto riguarda sia l’an sia il quantum dell’indennità, in quanto risulta difficile l’applicazione della norma a livello pratico.

Leggi dopo

Misure a favore degli aumenti di capitale

15 Ottobre 2020 | di Fabio Signorelli

Aumento di capitale sociale a pagamento

Il legislatore, al fine di supportare le imprese italiane ad affrontare la difficile congiuntura economica causata dalla pandemia del Covid-19, sull'esempio tedesco, ha inteso favorire la rapida deliberazione ed esecuzione di operazioni di aumento di capitale, sia con interventi di carattere temporaneo sia di carattere strutturale, incidendo, in particolare sulla disciplina del diritto d'opzione.

Leggi dopo

Il workers buy out nel processo di ristrutturazione aziendale

09 Ottobre 2020 | di Alessandro Ireneo Baratta

Crisi d'impresa e insolvenza

Il Workers Buy Out costituisce un processo di ristrutturazione aziendale mediante il quale i lavoratori dipendenti acquistano una quota di maggioranza dell'impresa nella quale erano precedentemente impiegati e che si trova in uno stato di crisi. Il WBO può pertanto costituire una possibile soluzione alla crisi d'azienda, comportando un profondo cambiamento nell'assetto di governance delle imprese in difficoltà, con l'obiettivo del ritorno alla creazione di valore nonché la salvaguardia dei livelli occupazionali.

Leggi dopo

Decreto Semplificazioni e Decreto Agosto: gli interventi a favore delle imprese

02 Ottobre 2020 | di Valentina Guerrieri

Società di capitali

I provvedimenti predisposti da Governo negli ultimi mesi per rispondere all'emergenza Covid-19 hanno imposto “uno sforzo sempre più mirato per rimettere in moto l'Italia, tenendo insieme ripresa economica, coesione sociale e sicurezza. Un vasto impegno per dare forza alle imprese italiane, proteggendole dalle conseguenze economiche dell'emergenza e guardando già al futuro, alla competitività e al ruolo della nostra economia nello scenario globale. Questa azione punta a garantire una ripartenza all'insegna degli investimenti, dell'innovazione, della crescita dimensionale, della sostenibilità ambientale e sociale, con l'introduzione di strumenti nuovi per proteggere e rafforzare la struttura industriale del nostro Paese”. Con queste parole il Ministero dell'Economia e delle Finanze descrive la strategia del Governo per far fronte alle ricadute dell'emergenza sanitaria, nella quale si inseriscono anche il c.d. Decreto Semplificazioni e il c.d. Decreto Agosto che intervengono in tema di impresa sotto molteplici profili.

Leggi dopo

Pagine