Casi e sentenze

Casi e sentenze

Fallimento di una società di fatto: si guarda anche all’indebitamento delle società socie

08 Ottobre 2021 | di La Redazione

Corte d’Appello di Firenze

Fallimento in estensione

È vero che ai fini della dichiarazione di fallimento di una società di fatto occorre avere riguardo al suo indebitamento in sé e non all’indebitamento pregresso di una delle socie di fatto, perché il fallimento in estensione opera seguendo la direzione ...

Leggi dopo

Cessione di quote: tra preliminare e definitivo conta l’intenzione delle parti

06 Ottobre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Quote di srl: emissione e circolazione

In tema di cessione di partecipazioni sociali, se può ritenersi in generale che l'omessa riproduzione, nel contratto definitivo, di una clausola già inserita nel preliminare non comporta, necessariamente, la rinunzia alla pattuizione ivi contenuta...

Leggi dopo

Finanziamenti in pool e legittimazione ad agire in caso di inadempimento

01 Ottobre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Lecce

Contratti bancari nell'impresa

I prestiti sindacati, c.d. finanziamento in pool, sono uno strumento finanziario caratterizzato dall’erogazione di ingenti somme, a titolo di credito a medio/lungo termine, da parte di due o più banche e, pur essendo un’operazione negoziale di tipo complesso, possono essere qualificati come una forma di finanziamento...

Leggi dopo

L’azione del socio presuppone il danno diretto: non basta una diminuzione del valore della quota di partecipazione

29 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Azioni individuali di responsabilità del socio o del terzo verso gli amministratori

L’azione individuale del socio nei confronti dell’amministratore di una società di capitali non è esperibile quando il danno lamentato costituisca solo il riflesso del pregiudizio al patrimonio sociale...

Leggi dopo

Trasferimento di quote societarie, intestazione fiduciaria e pactum fiduciae

27 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Quote di srl: emissione e circolazione

Il pactum fiduciae che abbia ad oggetto il trasferimento di quote societarie non richiede la forma scritta ad substantiam o ad probationem, e può dunque ritenersi ammissibile ...

Leggi dopo

Insolvenza di un’impresa sociale: non fallimento ma l.c.a.

22 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Siracusa

Impresa sociale

L’impresa sociale, che costituisce un tertium genus rispetto all’impresa commerciale e a quella agricola, non è fallibile ma in caso di insolvenza è soggetta a liquidazione coatta amministrativa, ai sensi dell’art. 14, comma 1, d.lgs. n. 112/2017.

Leggi dopo

Anche nella società semplice l’amministratore può essere non socio

17 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Amministrazione delle società di persone

Anche nella società semplice il potere di amministrazione può essere riconosciuto ad un soggetto terzo, non socio, purchè non siano stipulati dei patti...

Leggi dopo

Disciplina emergenziale sulla perdita di capitale: rilevano anche le perdite “pregresse”

15 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Riduzione del capitale sociale per perdite

Le perdite di esercizio cui fa riferimento l’art. 6 d.l. n. 23/2020 non sono solo quelle verificatesi nel corso dell’esercizio 2020, ma anche quelle riferite ad esercizi precedenti e rilevate nel 2020...

Leggi dopo

Clausola compromissoria per arbitrato irrituale: l’eccezione è questione preliminare di merito

10 Settembre 2021 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Arbitrato societario

L’eccezione con cui si deduca l’esistenza di una clausola compromissoria per arbitrato irrituale non pone una questione di competenza dell’autorità giudiziaria, diversamente da quanto accade in caso di arbitrato rituale...

Leggi dopo

Conoscibilità dell’insufficienza patrimoniale e prescrizione dell’azione dei creditori

08 Settembre 2021 | di La Redazione

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

L’azione sociale di responsabilità, anche quando viene esperita dal commissario liquidatore, in seguito all’apertura di una procedura di l.c.a. dell’impresa, resta soggetta per gli amministratori alla prescrizione quinquennale, a decorrere dalla cessazione della carica, come previsto dall’art. 2941, n. 7 c.c..

Leggi dopo

Pagine