Casi e sentenze

Casi e sentenze su Aumento di capitale sociale a pagamento

Aumento di capitale a pagamento e abuso della maggioranza

23 Aprile 2021 | di La Redazione

Tribunale di Napoli

Aumento di capitale sociale a pagamento

Un aumento del capitale sociale mediante nuovi conferimenti in danaro da parte dei soci risponde ad un interesse proprio della società a dotarsi di un capitale sociale in misura adeguata a consentire l'espansione sul mercato di riferimento e non configura alcun interesse proprio dei soci di maggioranza, confliggente con quello sociale, ma anzi del tutto convergente con esso...

Leggi dopo

Per l’iscrizione dell’aumento di capitale basta la sottoscrizione

21 Aprile 2021 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Aumento di capitale sociale a pagamento

E’ possibile procedere all’iscrizione della sottoscrizione di un aumento di capitale, ex art. 2481-bis, comma 6, c.c., anche se non sia stata ancora versata la quota da parte del socio...

Leggi dopo

Aumento di capitale: la società non può imporre al socio il conferimento di un determinato bene

02 Luglio 2020 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Aumento di capitale sociale a pagamento

Ferma restando l’ammissibilità, in generale, del conferimento in natura in sede di aumento di capitale e ferma restando la possibilità di strutturare l’operazione nel senso che è rimesso al socio partecipare all’aumento conferendo...

Leggi dopo

Limiti alla revisione della stima dei beni conferiti nell’aumento di capitale

04 Maggio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Aumento di capitale sociale a pagamento

Il socio che ha votato a favore dell’aumento di capitale con conferimento di beni in natura, effettuato ex artt. 2343-bis e 2343-ter c.c., ha diritto di chiedere, ai sensi dell’art. 2440, comma 6, c.c., che si proceda ad una nuova valutazione ex art. 2343 c.c.

Leggi dopo

La decorrenza dell’obbligo per il socio del versamento dell’aumento di capitale

26 Gennaio 2018 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Aumento di capitale sociale a pagamento

In materia di aumento del capitale di una società a responsabilità limitata, l'obbligo di versamento per il socio deriva non dalla deliberazione, ma dalla distinta manifestazione di volontà negoziale, consistente nella sottoscrizione della quota del nuovo capitale offertagli in opzione

Leggi dopo

Aumento di capitale inscindibile: impossibile una sottoscrizione parziale in diminuzione della partecipazione

08 Maggio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Aumento di capitale sociale a pagamento

Salva espressa previsione contraria da parte dell’assemblea dei soci, l’aumento di capitale deve ritenersi inscindibile, dunque insuscettibile di frazionamento, con la conseguenza che ai soci non è consentito sottoscrivere l’aumento per un importo parziale, in misura non proporzionale alla partecipazione...

Leggi dopo

Aumento di capitale mediante compensazione: il limite della postergazione

14 Febbraio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Aumento di capitale sociale a pagamento

L’obbligo del socio di conferire in danaro il valore delle azioni sottoscritte in occasione di un aumento di capitale è un debito pecuniario, che può essere estinto per compensazione con un credito pecuniario, liquido, certo, ed esigibile, vantato dal medesimo socio nei confronti della società.

Leggi dopo

Aumento del capitale sociale e conflitto di interessi

09 Febbraio 2016 | di La Redazione

Tribunale di Torino

Aumento di capitale sociale a pagamento

Non sussiste alcun conflitto di interessi invalidante nella manifestazione di voto del socio di maggioranza ed amministratore unico della società avente ad oggetto la delibera di aumento del capitale sociale, necessaria per far fronte alle conseguenze economiche derivanti da gravi reati e inottemperanze amministrative a carico del medesimo socio-amministratore.

Leggi dopo

Assenza di informazioni e annullabilità della delibera assembleare

09 Luglio 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Aumento di capitale sociale a pagamento

In tema di annullabilità della delibera assembleare di s.r.l. l’assoluta assenza di informazione deve configurarsi in relazione al procedimento di convocazione.

Leggi dopo