Quesiti Operativi

Carica sociale e lavoro subordinato

Quando l'amministratore delegato può essere qualificato come lavoratore subordinato?

 

La qualità di amministratore e di lavoratore subordinato di una stessa società sono cumulabili, purché si accerti l’attribuzione di mansioni diverse da quelle proprie della carica sociale. Relatimente all'amministratore delegato l'attenzione deve essere posta sull'ampiezza della delega conferita:  generale, con conseguente gestione globale dell'ente, ovvero parziale per limitati  atti gestori.  Nella prima ipotesi (delega generale) ove l'amministratore agisca senza il necessario consenso del CDA, si esclude lo stesso possa intrattenere un rapporto di lavoro subordinato con l'ente.

 

Qualora, invece, il CDA abbia attribuito il solo potere di rappresentanza all'esterno, ovvero specifiche deleghe, si ritiene possibile l'instaurazione del suddetto rapporto. Non trascurabile è anche l'esame di ulteriori circostanze, quali i rapporti intercorrenti fra l’organo delegato e il CDA,  il numero degli amministratori delegati, nonché  la sussistenza in concreto degli elementi caratterizzanti il vincolo di subordinazione (assoggettamento, nonostante la carica sociale, al potere direttivo, di controllo e disciplinare dell'organo di amministrazione). Si veda: INPS, messaggio 17 settembre 2019, n. 3359.

 

Cfr. ex multisCass., sez. I, 9 maggio 2019, n. 12380.

Leggi dopo