News

In Gazzetta Ufficiale la legge di conversione del Decreto Sostegni

24 Maggio 2021 |

Legge 21 maggio 2021

Società di capitali

La legge 21 maggio 2021, n. 69, di conversione del decreto sostegni (d.l. n. 41/2021) è stata pubblicata sulla G.U. del 21 maggio 2021, n. 120.

Ecco alcune delle principali novità inserite in sede di conversione del decreto.

In materia concorsuale si segnalano le seguenti novità:

- per quanto riguarda gli accordi di ristrutturazione dei debiti, l’art. 37 ter anticipa di fatto l’entrata in vigore dell’art. 58 del Codice della crisi d’impresa “Rinegoziazione degli accordi o modifiche del piano” che sarà applicabile in via ordinaria e senza limitazioni: la norma interviene sull’art. 182 bis l. fall., introducendo un nuovo comma, a norma del quale, qualora dopo l’omologazione degli accordi si rendano necessarie modifiche sostanziali del piano, l’imprenditore può apportare le modifiche idonee ad assicurare l’esecuzione degli accordi stessi, richiedendo al professionista indipendente il rinnovo della relazione di attestazione;

- per quanro riguarda l’obbligo di segnalazione da parte di creditori pubblici qualificati, l’art. 5, comma 14, interviene modificando il comma 7 dell’art. 15  CCI, differendo di un anno la decorrenza  degli obblighi di segnalazione da parte dell'Agenzia delle Entrate a fronte di una esposizione debitoria rilevante e disponendo  che anche per  l'INPS e l'Agente della riscossione l'obbligo decorre dell'anno successivo al termine di entrata in vigore del Codice, fissato al 1° settembre 2021.

 

Altre novità riguardano:

IRAP erroneamente non versata (art. 1)

Resta fermo il contributo a fondo perduto per i professionisti titolari di partita IVA per le perdite subite a causa della pandemia, « a condizione che l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell'anno 2020 sia inferiore almeno del 30 per cento rispetto all'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell'anno 2019». Sono confermate anche le somme a titolo di contributo calcolate in base alla differenza tra l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell'anno 2020 e quello dell'anno precedente. In sede di conversione, è stato spostato al 30 settembre 2021 il termine per la regolarizzazione dell’IRAP (saldo 2019 e primo acconto 2020) non versata per l’errata applicazione delle previsioni di esonero contenute nel decreto Rilancio a favore di lavoratori autonomi e imprese con ricavi o compensi non superiori a 250 milioni di euro.

 

Rivalutazione beni di impresa (art. 1-bis)

La norma, introdotta in sede di conversione, modifica l’art. 110 del c.d. decreto agosto (d.l. n. 104/2020) inserendo la possibilità di rivalutazione dei beni di impresa anche nel bilancio relativo all’esercizio successivo (quindi bilancio al 31.12.2021) con esclusivo riferimento ai beni non rivalutati nel bilancio precedente e senza la possibilità di affrancamento del saldo attivo e di riconoscimento degli effetti a fini fiscali, rispettivamente ai sensi dei commi 3 e 4 del medesimo articolo.

 

Contributi a fondo perduto per le start up (art. 1-ter)

Per il 2021 è riconosciuto un contributo a fondo perduto pari a mille euro per i soggetti titolari di reddito d'impresa che hanno attivato la partita IVA dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, la cui attività d'impresa, in base alle risultanze del registro delle imprese, è iniziata nel corso del 2019, ai quali non spetta il contributo di cui all'articolo 1 del presente decreto, poichè l'ammontare medio mensile del fatturato e dei corrispettivi dell'anno 2020 non era inferiore almeno del 30% rispetto a quello del 2019. Devono comunque essere rispettati gli altri requisiti e le altre condizioni previsti dall'art. 1.

 

 

Fondo autonomi e professionisti (art. 3)

Le risorse destinate al fondo autonomi e professionisti previsto dalla legge di bilancio (art. 1, l. n. 178/2020) per il 2021 passano da 1000 milioni a 2500 milioni di euro.

 

Canone RAI (art. 6)

Il decreto esclude dall’obbligo di pagamento del canone RAI per il 2021 le strutture ricettive e di somministrazione di cibi e bevande in locali pubblici o aperti al pubblico. Sono comprese anche le attività svolte da enti del terzo settore.

 

Esenzione prima rata IMU 2021 (art. 6-sexies)

In considerazione del perdurare degli effetti connessi all'emergenza sanitaria, per l'anno 2021 non è dovuta la prima rata IMU per gli immobili posseduti dai soggetti passivi per i quali ricorrono le condizioni di cui all'articolo 1, commi da 1 a 4, del decreto. L'esenzione si applica solo agli immobili nei quali i soggetti passivi esercitano le attività di cui siano anche gestori.

 

Canoni di locazione non percepiti (art. 6-septies)

Sono esclusi dalla formazione del reddito imponibile ai fini delle imposte dirette i canoni derivanti dai contratti di locazione di immobili non percepiti a decorrere dal 1° gennaio 2020.

 

 

Fondo unico per le associazioni e le società sportive dilettantistiche (art. 14-bis)

La dotazione del Fondo unico per il sostegno delle associazioni e società sportive dilettantistiche (art. 3 d.l. n. 137/2020, conv. in l. n. n. 176/2020) è incrementata di 50 milioni di euro per l'anno 2021.

 

 

 

 

 

Leggi dopo

Le Bussole correlate >