News

Ecco cosa prevede il Decreto Sostegni bis

Giovedì scorso, 20 maggio, si è riunito il Consiglio dei Ministri a Palazzo Chigi, sotto la presidenza del Presidente Mario Draghi ed ha approvato un decreto-legge, il c.d. Decreto Sostegni-bis, che introduce misure urgenti relative all’emergenza da COVID-19, per le imprese, il lavoro, i giovani, la salute e i servizi territoriali.

Sono stati stanziati 40 miliardi di euro per i seguenti settori:

- imprese, economia e abbattimento dei costi fissi;

- accesso al credito e liquidità delle imprese;

- tutela della salute;

- lavoro e politiche sociali;

- sostegno agli enti territoriali;

- giovani, scuola e ricerca;

- misure di carattere settoriale.

 

Sostegno alle imprese, all’economia e abbattimento dei costi fissi

Sono previsti contributi pari a 15 miliari di euro a fondo perduto per:

- i soggetti titolari di partita IVA che svolgono attività d’impresa, arte o professione;

- gli enti non commerciali e del Terzo Settore, senza più alcuna limitazione settoriale.

 

È previsto anche:

- un credito d’imposta per canoni di locazione ed affitto di immobili ad uso non abitativo per i mesi da gennaio a maggio 2021. Per imprese del settore alberghiero e turistico, agenzie di viaggio e tour operator la misura è estesa fino a luglio 2021, con uno stanziamento di 1,8 miliardi di euro;

- l’esenzione della Tari per gli esercizi commerciali e le attività economiche colpite dalla pandemia, con uno stanziamento di 600 milioni di euro;

- il contributo per il pagamento delle bollette elettriche diverse dagli usi domestici viene prorogato fino a luglio 2021;

- l’accrescimento della dotazione del Fondo per l’internazionalizzazione delle imprese, con uno stanziamento di 1,6 miliardi;

- 100 milioni di euro per il Fondo per gli operatori del turismo invernale;

- 120 milioni di euro per il Fondo per le attività connesse con eventi e matrimoni e i parchi tematici;

- l’istituzione di un ‘Fondo per il sostegno delle attività economiche chiuse’ con una dotazione di 100 milioni di euro;

- la sospensione delle attività dell’Agente della Riscossione differita per altri 2 mesi, fino al 30 giugno 2021;

- il rinvio a gennaio 2022 dell’entrata in vigore della cosiddetta ‘plastic tax’.

 

Accesso al credito e liquidità delle imprese

È previsto uno stanziamento di circa 9 miliardi, al fine di garantire l’accesso al credito, sostenere la liquidità e incentivare la capitalizzazione delle imprese, attraverso l’estensione di misure in vigore e l’attuazione di nuovi interventi.

Tra queste:

- la proroga al 31 dicembre 2021 della moratoria sui prestiti, applicata alla quota capitale delle esposizioni oggetto di moratoria, e il prolungamento degli strumenti di garanzia emergenziali previsti dal Fondo di Garanzia per le Pmi e da Garanzia Italia di Sace;

- nell’ambito del Fondo Pmi, si introduce uno strumento di garanzia pubblica di portafoglio a supporto dei crediti a medio lungo termine per finanziare progetti di ricerca e sviluppo e programmi di investimento di imprese fino a 500 dipendenti;

- un contributo di 2 miliardi di euro, per la disciplina dell’ACE (Aiuto alla Crescita Economica) per gli aumenti di capitale fino a 5 milioni di euro, con la possibilità di trasformare il relativo beneficio fiscale in credito d’imposta compensabile per il 2021;

- l’estensione ai soggetti con ricavi superiori ai 5 milioni di euro della possibilità di utilizzare in compensazione nel solo 2021 il credito d’imposta per gli investimenti effettuati nello stesso anno nei cosiddetti beni ‘ex super ammortamento’;

- l’introduzione di un’agevolazione fiscale temporanea per favorire gli apporti di capitale da parte delle persone fisiche in start-up e Pmi innovative;

- con un contributo di 1,6 miliardi, viene accresciuto a 2 milioni di euro il limite annuo dei crediti d’imposta compensabili o rimborsabili, per favorire lo smobilizzo dei crediti tributari e contributivi.

 

Tutela della salute

È previsto un contributo di 2,8 miliardi di euro al fine di rafforzare il sistema sanitario e ridurre le liste di attesa per l’accesso alle prestazioni sanitarie.

 

Lavoro e politiche sociali

Sono stanziati circa 4,2 miliardi di euro per la tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, delle persone in difficoltà economica e delle famiglie.

Il decreto prevede nello specifico:

- quattro ulteriori mensilità per il reddito di emergenza (REM);

- una nuova indennità una tantum per i lavoratori stagionali, del turismo e dello sport che avevano già beneficiato della stessa misura prevista con il decreto “sostegni”;

- il blocco alla progressiva riduzione dell’indennità prevista con la Naspi;

- l’estensione al 2021 del contratto di espansione per le imprese con almeno 100 dipendenti e nuove risorse per i contratti di solidarietà;

- l’introduzione del contratto di rioccupazione, volto a incentivare l’inserimento dei lavoratori disoccupati nel mercato del lavoro;

- l’istituzione di un fondo da 500 milioni di euro per l’adozione di misure urgenti a sostegno delle famiglie vulnerabili.

 

Sostegno enti territoriali

È previsto un contributo di 1,9 miliardi per il sostegno degli Enti territoriali e le autonomie nella difficile congiuntura economica. 500 milioni sono destinati al trasporto pubblico locale e 100 milioni per compensare le minori entrate dell’imposta di soggiorno. Inoltre, è previsto un fondo da 500 milioni di euro per il percorso di risanamento dei Comuni in disavanzo strutturale.

 

 

Ricerca di base e sviluppo farmaci innovativi

È previsto:

- il c.d. “fondo ricerca per l’Italia” al fine di promuovere lo sviluppo della ricerca fondamentale, attraverso procedure competitive ispirate ai parametri dello European Research Council (ERC);

- un credito d’imposta nella misura del 20% dei costi sostenuti dal 1° giugno 2021 al 31 dicembre 2030 per le imprese che effettuano attività di ricerca e sviluppo per farmaci innovativi, inclusi i vaccini.

 

Misure di carattere settoriale

Sono previste ulteriori risorse sono state stanziate per sostenere:

- i trasporti;

- la cultura;

- lo spettacolo;

- l’agricoltura;

- gli aeroporti;

- lo spettacolo e i cinema;

- le istituzioni culturali e i musei.

 

Trasporto aereo di linea

Sono stanziati 200 milioni di euro per l’anno 2021 per il sostegno alle grandi imprese in difficoltà finanziaria.

Inoltre, è concesso, per l’anno 2021, ad Alitalia un finanziamento a titolo oneroso non superiore a 100 milioni di euro e della durata massima di 6 mesi, da utilizzare per la continuità operativa e gestionale.

 

 

 

Fonte: www.dirittoegiustizia.it

 

Leggi dopo