Giurisprudenza commentata

Il fallimento dell'amministratore di una s.r.l. non comporta la decadenza dalla carica

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni giuridiche e la soluzione | Osservazioni | Conclusioni |

 

Il fallito può essere amministratore di una società a responsabilità limitata, salvo che ciò non sia escluso da una disposizione dello statuto, dal momento che, per tale tipologia di società, non sono regolamentate le cause di ineleggibilità e di decadenza degli amministratori e non è previsto un rinvio alle norme dettate dall'art. 2382 c.c. per la società per azioni.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >