Focus

Note in tema di fideiussione nulla e giudicato

Sommario

Premessa | Giudicato in senso sostanziale | La “cosa giudicata” in senso formale: la teoria “processuale” e la teoria “sostanziale”, una sterile dicotomia | La pregiudizialità tecnica e la pregiudizialità logica | L'oggetto del giudicato e l'antecedente logico-necessario | Il giudicato implicito. La dilatazione dei limiti oggettivi della res iudicata: un discutibile atteggiamento della giurisprudenza | Le sentenze “gemelle” della Cassazione. La problematica delle nullità contrattuali e della loro rilevabilità d'ufficio in ogni stato e grado del processo. Le risposte della dottrina | Le atipicità dei giudici milanesi: la superabilità del giudicato |

 

Il contributo intende stabilire quale sia il regime giuridico di una fideiussione nulla, quando la medesima sia coperta da un provvedimento di natura giurisdizionale passato in giudicato. L'analisi e lo studio del fenomeno si spinge a rappresentare la possibilità di ritenere che il giudicato non possa coprire un rapporto fondamentale nullo e, pertanto, è possibile intraprendere una lite che abbia come obiettivo preminente proprio quello di ottenere una sentenza che declari la nullità dell'atto - nel nostro esempio la fideiussione invalida- affinché si possa superare l'exceptio iudicati.

Leggi dopo