Focus

La liberazione del fideiussore ex art. 1956 c.c.

Sommario

Premessa | La ratio dell'art. 1956 c.c. | L'ambito di operatività della norma | Oneri probatori del fideiussore | L'autorizzazione del fideiussore | La liberazione del fideiussore ex art. 1956 c.c. | In conclusione |

 

In tema di fideiussione per un'obbligazione futura, la persistente erogazione di finanziamenti da parte della banca creditrice a favore del debitore principale, senza chiedere al garante la necessaria autorizzazione pur in presenza di un peggioramento delle condizioni economiche e finanziarie del debitore garantito, costituisce comportamento non improntato al rispetto dei principi di correttezza e buona fede nell'esecuzione del contratto, idoneo a determinare la liberazione del fideiussore dalle obbligazioni future (art. 1956 c.c.). Nel prosieguo saranno illustrate le caratteristiche e le condizioni di operatività dell'art. 1956 c.c., con particolare riferimento agli oneri probatori gravanti sul fideiussore che intenda ‘attivare' l'articolo in commento.

Leggi dopo