Focus

I limiti alla costituzione e all'acquisizione di nuove partecipazioni societarie: il controllo della Corte dei Conti sugli atti della P.A.

Sommario

Le novità di controllo apportate dalla Legge Concorrenza | L'ambito soggettivo dell'art. 5 TUSPP | Il “parametri” del controllo della Corte dei Conti | La compatibilità della scelta con i fini istituzionali dell'Ente | La motivazione analitica sulla convenienza economica e la sostenibilità finanziaria | La motivazione sulla scelta della gestione diretta o esternalizzata del servizio affidato | Considerazioni conclusive |

 

Il rafforzamento delle competenze della Corte dei conti sul controllo degli atti di costituzione e/o acquisizione di nuove società da parte degli enti pubblici (commi 3 e 4 dell'art. 5 d.lgs. n. 175/2016) continua a registrare importanti indicazioni da parte della magistratura contabile, che procede sempre più a delineare i criteri e il raggio di azione del controllo cui ora è chiamata la Corte dei Conti al fine di verificare la legittimità e la bontà dell'iter procedurale e motivazionale seguito dalla P.A. per giustificare il ricorso ad un organismo di tipo societario.

Leggi dopo