Focus

Cessione di azienda e profili interpretativi dell’art. 2560, comma 2, c.c.

Sommario

Cessione di azienda: la disciplina e la ratio dell’art. 2560, comma 2, c.c. | La valenza dei “libri contabili obbligatori” nella giurisprudenza | I primi correttivi all'interpretazione tradizionale dell'art. 2560, comma 2 c.c. | La svolta del 2019: una lettura sempre più “sostanziale” | La giurisprudenza successiva: un parziale ritorno al passato? |

 

In tema di cessione di azienda e relativi profili di responsabilità ex art. 2560, comma 2, c.c., rimane tuttora privo di una posizione definita il delicato contemperamento tra la tutela dell’affidamento dei creditori aziendali e l’esigenza del cessionario di potersi rappresentare l’entità del rischio incombente in caso di subentro nell’azienda. Mentre la giurisprudenza tradizionale ha storicamente interpretato i “debiti risultanti dai libri contabili obbligatori” in maniera restrittiva, l’arresto della Cassazione del 2019 sembrava aver cambiato le regole del gioco aprendo la strada a un’interpretazione più sostanzialistica, attenta al quadro probatorio generale oltre che al dato formale. La giurisprudenza più recente non sembra aver (ancora) fatto pienamente proprio il principio espresso da tale arresto, sebbene si possano comunque apprezzare dei risvolti in senso sostanziale.

Leggi dopo