Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Cessione di quota sociale, mancato pagamento del prezzo e prescrizione

11 Novembre 2015 | di Enrico Civerra

Quote di srl: emissione e circolazione

Un socio cede la propria partecipazione in s.r.l. all'altro componente della società. Sono trascorsi oltre cinque anni ed il prezzo non è stato corrisposto, e non è stata effettuata alcuna attività interruttiva. Prima dello spirare del termine ordinario di prescrizione, il venditore ha richiesto il prezzo e messo in mora l'acquirente. Si applica al caso di specie la prescrizione breve ex art. 2949 c.c. o la prescrizione ordinaria decennale?

Leggi dopo

Amministratore: un particolare profilo dei rapporti tra capogruppo e controllate

04 Novembre 2015 | di Enrico Civerra

Gruppi di società

Nell’ambito dei gruppi societari è prassi affidare l'incarico di amministratore delle società controllate a soggetti che rivestono la qualifica di lavoratore dipendente con qualifica dirigenziale presso la capogruppo. Nell’ipotesi in cui all’amministratore, che riveste la qualifica di lavoratore dipendente con qualifica dirigenziale presso la capogruppo, vengano conferite deleghe operative, la società controllata è tenuta a corrispondere all’amministratore un compenso per l'attività svolta in relazione a tali poteri?

Leggi dopo

Scissione asimmetrica: il problema del consenso unanime

29 Ottobre 2015 | di Enrico Civerra

Scissione: progetto

Si sta progettando una scissione di una società con costituzione di una newco. L’operazione è di tipo asimmetrico in quanto solo ad un gruppo di soci della scissa verranno assegnate le quote della beneficiaria. Il capitale della scissa resterà nelle mani dei soli soci non assegnatari delle partecipazioni della newco. La norma di riferimento chiede il consenso unanime di tutti i soci. Quale struttura potrebbe avere il progetto di scissione per favorire il buon esito dell’operazione?

Leggi dopo

Crediti fiscali: ammissibilità allo stato passivo fallimentare

21 Ottobre 2015 | di Alberto Molgora

Fallimento

Ai fini dell’ammissione allo stato passivo di un credito tributario quali prove documentali è tenuto a produrre il Concessionario innanzi agli organi della procedura? Occorre, in particolare, la dimostrazione dell’avvenuta previa notifica della cartella di pagamento alla curatela? Possono essere ammessi allo stato passivo anche le componenti accessorie del credito erariale, quali spese, aggi e compensi di riscossione?

Leggi dopo

L’aumento del capitale sociale nelle società per azioni

14 Ottobre 2015 | di Enrico Civerra

Aumento di capitale sociale a pagamento

Una società per azioni si trova in condizioni di scarsa liquidità. L’assemblea straordinaria aveva in precedenza già deliberato un aumento di capitale a pagamento, senza soprapprezzo, sottoscritto dai soci e liberato per il 25% del relativo valore nominale. Si profila, ora, l’offerta di un finanziatore, interessato ad entrare nella compagine sociale con un importante conferimento di danaro. Il finanziatore avrebbe posto come condizione che l’operazione venga deliberata al più presto. Poiché i soci non hanno le disponibilità per completare i conferimenti dovuti a liberazione dei primo aumento sottoscritto, ci si chiede come possa essere strutturata la delibera perché sia rispettato il disposto dell’art. 2438 c.c.

Leggi dopo

Società controllate in virtù di vincoli negoziali e influenza dominante

08 Ottobre 2015 | di Ivan Libero Nocera

Società controllate e collegate

Cos’è necessario per ritenersi integrata un’influenza dominante di una società su un’altra in forza di determinati rapporti negoziali?

Leggi dopo

Finanziamenti dei soci di s.r.l.

07 Ottobre 2015 | di La Redazione

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Nel 2014, per aiutare una s.r.l. che aveva necessità di sopperire a una temporanea fase di illiquidità, i soci, rispondendo a una precisa richiesta dell’organo amministrativo, decisero di erogare finanziamenti, a titolo infruttifero, che potevano essere restituiti quando le risorse della società lo avessero consentito. Attualmente la situazione è molto diversa rispetto al passato e la liquidità della società consentirebbe di procedere ad una restituzione, almeno parziale, dello stesso. Possiamo procedere con il rimborso o esistono limiti all’operazione?

Leggi dopo

Fallimento di s.n.c., dei soci e soddisfazione dei creditori particolari

23 Settembre 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

S.N.C.

Fallimento di una s.n.c. e dei soci. Viene liquidato l'attivo sociale ad eccezione di un'autovettura ed al recupero di un credito in forza di sentenza passata in giudicato. L'attivo conseguito consente il pagamento dei creditori sociali nonché dei debiti e spese in prededuzione. Ricorre l'ipotesi del n. 2 dell'art. 118 l. fall.? I creditori particolari dei soci possono trovare soddisfazione con l'attivo conseguito dal fallimento di ogni singolo socio o è escluso un qualsivoglia riparto in loro favore conseguente alla chiusura del fallimento sociale? Il residuo attivo conseguito dal fallimento di ogni socio (trattenute stipendi, acquisizioni conti e depositi) andrebbe quindi restituito ai singoli soci?

Leggi dopo

Il programma di liquidazione nel fallimento di s.n.c. e dei soci illimitatamente responsabili

14 Settembre 2015 | di Daniele Fico

S.N.C.

Nel fallimento di una s.n.c., nel programma di liquidazione - punto relativo all’attivo fallimentare - devo includere anche il patrimonio dei soci illimitatamente responsabili o solo il patrimonio societario in quanto per i soci dovrò predisporre un altro programma di liquidazione?

Leggi dopo

Acquisto di azioni proprie: condizioni di ammissibilità e parità di trattamento tra i soci

19 Agosto 2015 | di Enrico Civerra

Acquisto e sottoscrizione di azioni proprie

Una società per azioni intende acquistare un pacchetto di azioni proprie e deve iniziare il percorso deliberativo propedeutico all’effettuazione dell’operazione. Da consultazioni informali è risultato che l’acquisto, oltre che rispondere a precise esigenze finanziarie della società, potrà consentire ad uno dei dieci soci, che già aveva manifestato la propria volontà di disinvestire, di cedere tutte le azioni possedute. Ci si chiede quale debba essere l’iter corretto che gli amministratori devono seguire per compiere l’atto di formale acquisto.

Leggi dopo

Pagine