News

News

I criteri di redazione del bilancio possono essere sindacati dall’Amministrazione

22 Dicembre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Clausole generali di bilancio

A differenza di quanto sostenuto dai Giudici di merito, la Cassazione, con la sentenza n. 26824/2014, legittima l’Amministrazione a riprendere a tassazione gli ammortamenti quali oneri pluriennali degli sconti prezzo e delle spese promozionali dirette alla clientela.

Leggi dopo

Estensione del fallimento alla società di fatto: inammissibile la questione di costituzionalità

18 Dicembre 2014 | di La Redazione

Corte Costituzionale

Fallimento in estensione

E’ inammissibile, per difetto di motivazione, la questione di legittimità costituzionale, sollevata dal Tribunale di Bari, dell’art. 147, comma 5, l. fall., nella parte in cui, in ipotesi di fallimento originariamente dichiarato nei confronti di una società di capitali, non consente l’estensione del fallimento ad una società di fatto tra la società originariamente dichiarata fallita ed altri soci di fatto, siano essi persone fisiche o altre società.

Leggi dopo

Decreto sulle Semplificazioni fiscali: altre novità per le imprese

09 Dicembre 2014 | di La Redazione

Registro delle imprese

Il Decreto n. 175/2014 (c.d. Decreto sulle Semplificazioni fiscali) introduce un’eccezione all’art. 2495 c.c. rubricato “cancellazione della società”.

Leggi dopo

Estinzione della società: per il Fisco non prima di cinque anni dalla cancellazione

05 Dicembre 2014 | di La Redazione

Registro delle imprese

Senza apportare modifiche al codice civile, il Decreto semplificazioni riforma gli effetti dell’estinzione della società: ai soli fini fiscali, si considera avvenuta trascorsi cinque anni dalla richiesta di cancellazione dal Registro delle Imprese. Con la novella, cambiano anche le regole sulla responsabilità dei liquidatori.

Leggi dopo

Condannato l’amministratore, nonostante la nota a suo favore della PG

26 Novembre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Il contenuto del verbale della GdF, potenzialmente capace di destabilizzare la condanna di primo grado, e ritenuto, per questo, travisato, dev’essere tempestivamente dedotto dinanzi ai Giudici d’appello, salvo la sua preclusione nel giudizio di legittimità. Lo afferma la Cassazione nella sentenza n. 48703/2014.

Leggi dopo

Responsabilità del socio per i debiti erariali della s.n.c. estinta

18 Novembre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Responsabilità dei soci di società di persone per le obbligazioni sociali

Né la recessione, né la successiva estinzione della società, esclude la responsabilità del socio per i debiti fiscali della s.n.c. Neppure l’assenza di un preventivo avviso bonario, all’emissione della cartella nei suoi confronti, rileva ai fini della legittimità dell’atto impositivo. Così afferma la Cassazione nella sentenza n. 24322/2014.

Leggi dopo

Ricorso abusivo al credito. Non c’è reato senza fallimento

28 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Fallimento

La Corte d’appello di Bologna dichiara il non doversi procedere nei confronti dell’imputato per intervenuta prescrizione per i reati di bancarotta fraudolenta e ricorso abusivo al credito, mentre conferma la condanna per il reato di bancarotta documentale.

Leggi dopo

Crisi d'impresa: impossibilità di conseguimento dell’oggetto sociale e scioglimento delle società di capitali

23 Ottobre 2014 | di La Redazione

Società di capitali

Il 9 ottobre 2014 il Consiglio Nazionale del Notariato ha reso pubblico uno studio con cui è stata esaminata la questione del se possa o meno configurarsi una sorta di impossibilità economica di attuazione dell’oggetto sociale (e quindi possa iscriversi nel Registro delle Imprese, ex art. 2484, comma 3, c.c. lo scioglimento della società) in presenza di una crisi d’impresa.

Leggi dopo

Il fallimento dell’unica committente esime dal reato di omesso versamento dell’IVA

07 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Fallimento

In seguito a condanna, confermata in appello, per aver violato l’art. 10-ter D.Lgs. 74/2000 (omesso versamento d’I.V.A.), veniva proposto ricorso per cassazione deducendosi che la cooperativa della quale l’imputato era legale rappresentate aveva avuto come (quasi) unica committente una s.p.a. che, nell’imminenza della data di scadenza delle imposte, era fallita.

Leggi dopo

Dal MISE i nuovi termini per il versamento del 3% degli utili

30 Settembre 2014 | di La Redazione

Decreto MISE

Utile d'esercizio

Il versamento della quota del 3% degli utili di esercizio dovuta dalle società cooperative e dai loro consorzi, non aderenti ad alcuna delle Associazioni nazionali di assistenza e tutela del movimento cooperativo riconosciuta, deve avvenire entro e non oltre 300 giorni dalla data di chiusura dell'esercizio.

Leggi dopo

Pagine