News

News

Irregolarità contabili della precedente gestione societaria? Può risponderne il nuovo amministratore, non la società di revisione

08 Maggio 2015 | di La Redazione

Cass. Civ.

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

È soggetto all’azione sociale di responsabilità, promossa dal curatore fallimentare, l’amministratore che abbia omesso di ripristinare la corretta amministrazione della società, anche se le irregolarità contabili sono ascrivibili al precedente c.d.a.

Leggi dopo

Niente bancarotta fraudolenta se c’è negligenza nella contabilità

06 Maggio 2015 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Per bancarotta fraudolenta si intende laddove sussista un intento di sottrarre le scritture contabili per rendere impossibile ricostruire il patrimonio: lo ricorda la Cassazione con sentenza n. 18146/2015.

Leggi dopo

Recesso del socio, la FNC approfondisce sulla valutazione della partecipazione

04 Maggio 2015 | di La Redazione

Fondazione Nazionale Commercialisti

Diritto di recesso nella s.p.a.

Con Documento del 30 aprile la Fondazione Nazionale dei Commercialisti elabora e diffonde uno studio analitico della “Valutazione della partecipazione del socio recedente” distinguendo le ipotesi a seconda che si tratti di socio di s.r.l. o di s.p.a. quotate e non quotate.

Leggi dopo

Erogazioni alle ONLUS, più libertà di scelta se non si opta per la deduzione del 10%

30 Aprile 2015 | di La Redazione

Onlus

Tra i temi affrontati dall’Agenzia delle Entrate nella Circolare n. 17/E, anche i limiti alla scelta di dedurre o detrarre, ovvero dedurre e detrarre, le liberalità a favore delle ONLUS, anche in relazione a beneficiari diversi.

Leggi dopo

Non quotate: gli occhi del CNDCEC sulla riforma della rendicontazione finanziaria

27 Aprile 2015 | di La Redazione

Bilancio d'esercizio

Molte le osservazioni inviate dal CNDCEC alla consultazione pubblica aperta dal MEF sull’attuazione della direttiva 2013/34/EU del Parlamento europeo e del Consiglio del 26 giugno 2013, inerente ai bilanci d’esercizio, ai bilanci consolidati e alle relative relazioni di talune tipologie di imprese.

Leggi dopo

XBRL: ecco a chi non si applica

23 Aprile 2015 | di La Redazione

Bilancio d'esercizio

Non tutte le società sono tenute all’applicazione del formato XBRL per il deposito del bilancio. Assonime nella sua Circolare diffusa nei giorni scorsi, ha fornito un utile elenco dei soggetti esclusi: fra questi anche gli enti che pur possedendo i requisiti, sono controllati da società che sono esonerate dall’obbligo.

Leggi dopo

Rivalutazione partecipazioni: “tempi supplementari” per i donatari che hanno scomputato l’imposta del donante

21 Aprile 2015 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate

Azioni e quote

La Risoluzione 40/E, emanata ieri dall’Agenzia, concede ancora alcuni giorni di tempo per regolarizzare il carente versamento di quei donatari che, nel versamento dell’imposta sostitutiva sulla rivalutazione delle partecipazioni, abbiano scomputato quanto già versato dal donante.

Leggi dopo

Specifiche XBRL e nota integrativa: una difficile convivenza

21 Aprile 2015 | di La Redazione

Nota integrativa

Anche Assonime manifesta qualche perplessità, nella Circolare 12 diffusa ieri, sulla possibile “conflittualità” fra la rigidità tipica della tassonomia XBRL e l’elasticità che caratterizza la nota integrativa. A tal fine non sembra convincere la soluzione suggerita dal D.P.C.M. 10 dicembre 2008, secondo cui, laddove le specifiche XBRL non siano sufficienti a dare una rappresentazione veritiera e corretta si possa prevedere di depositare un ulteriore allegato “esplicativo”.

Leggi dopo

Sindaci società quotate, ci sono le norme

21 Aprile 2015 | di La Redazione

Società quotate

Approvate dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili le nuove norme di comportamento del Collegio sindacale delle società quotate. Entreranno in vigore il prossimo 30 settembre.

Leggi dopo

Prelazione sul ramo d’azienda affittato ma solo se il contratto è ancora in essere

20 Aprile 2015 | di La Redazione

Cass. Civ.

Affitto d’azienda

In caso di affitto di ramo d’azienda da concedente soggetto a procedura concorsuale, il diritto di prelazione all’acquisto spetta solo se il contratto di affitto non sia cessato prima della definitiva determinazione del prezzo di vendita. Lo sancisce la Cassazione nella sentenza n. 7753/2015.

Leggi dopo

Pagine