News

News

Corruzione tra privati: in G.U. la nuova disciplina

31 Marzo 2017 | di La Redazione

D.Lgs.

Corruzione tra privati

È stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 75 del 30 marzo, il D.Lgs. 15 marzo 2017, n. 38 di “Attuazione della decisione quadro 2003/568/GAI del Consiglio, del 22 luglio 2003, relativa alla lotta contro la corruzione nel settore privato”.

Leggi dopo

Socio occulto e opposizione alla dichiarazione di fallimento

30 Marzo 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Fallimento in estensione

Il socio illimitatamente responsabile dichiarato fallito ex art. 147 l.fall. non è legittimato, in sede di opposizione alla dichiarazione di fallimento, a contestare il fondamento della dichiarazione di fallimento della società.

Leggi dopo

Bilanci 2016: linee guida Cndcec-Confindustria per illustrare le novità

30 Marzo 2017 | di La Redazione

Bilancio d'esercizio

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili e Confindustria hanno reso pubblico un documento dal titolo “Problematiche e soluzioni operative per il passaggio alle disposizioni del D.Lgs. n. 139/2015 e ai Principi contabili nazionali”.

Leggi dopo

In vigore l’obbligo di iscrizione nell’elenco degli affidamenti in house

30 Marzo 2017 | di La Redazione

Società in house

Entra in vigore oggi la nuova disciplina che prevede l’obbligo di iscrizione nell'Elenco delle amministrazioni aggiudicatrici e degli enti aggiudicatori che operano mediante affidamenti diretti nei confronti di proprie società in house.

Leggi dopo

La Cassazione fa una panoramica sulla bancarotta fraudolenta patrimoniale

29 Marzo 2017 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

L’elemento soggettivo della bancarotta fraudolenta consiste nella consapevole volontà di imprimere al patrimonio sociale una destinazione diversa rispetto alle finalità dell’impresa e di compiere atti suscettibili di arrecare danno ai creditori: la dichiarazione di fallimento entra a far parte della struttura del reato come condizione oggettiva di punibilità, ma non come evento naturalistico dell’attività depauperativa.

Leggi dopo

Start up e PMI innovative: il requisito della ricerca e sviluppo senza nota integrativa

28 Marzo 2017 | di La Redazione

MISE - Parere

Start up innovativa

Con parere del 14 febbraio il MISE precisa che, a seguito dell’entrata in vigore del nuovo art. 2435-ter c.c., che ha esonerato le micro-imprese dalla redazione della nota integrativa, le informazioni relative al requisito della “ricerca e sviluppo” possono essere riportate, da parte di start up e PMI innovative, in calce allo stato patrimoniale.

Leggi dopo

Anche per l’assunzione di personale delle società in house la giurisdizione è ordinaria

28 Marzo 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Società in house

Le procedure relative all’assunzione di personale dipendente delle società in house sono sottoposte alla giurisdizione del giudice ordinario.

Leggi dopo

Dal Cndcec due documenti per le nuove relazioni sui bilanci

22 Marzo 2017 | di La Redazione

Relazione dei sindaci e deposito del bilancio

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili ha pubblicato sul proprio sito due nuovi documenti, in vista delle scadenze dei bilanci 2016 e all’esito delle recenti novità normative in tema di revisione.

Leggi dopo

La bancarotta documentale non può avere ad oggetto il bilancio

20 Marzo 2017 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Il reato di bancarotta fraudolenta documentale di cui all’art. 216 l. fall. non può avere ad oggetto il bilancio, non rientrando quest’ultimo nella nozione di “libri o altre scritture contabili” previsto dalla norma di cui all’art. 216, comma 1, n. 2 l. fall.

Leggi dopo

Quali i limiti per la rettifica in aumento del prezzo dell’OPA da parte della Consob in caso di collusione?

17 Marzo 2017 | di La Redazione

Conclusioni dell'Avvocato Generale - Causa C-206-16.pdf

Offerte pubbliche di acquisto e di scambio

L’art. 5, par. 4, della Direttiva 2004/25/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 aprile 2004, (Direttiva OPA), dev’essere interpretato nel senso che osti all’applicazione di una disposizione di diritto nazionale che consenta ad un’autorità nazionale di vigilanza di procedere alla rettifica del prezzo proposto in un’offerta pubblica di acquisto nel caso di una collusione che, se non fosse stato per l’applicazione della direttiva, non sarebbe stata altrimenti qualificata nel diritto nazionale come tale.

Leggi dopo

Pagine