Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Contratti bancari nell'impresa

La qualità del debitore principale non attrae quella del fideiussore consumatore (c.d. professionista "di rimbalzo")

10 Marzo 2020 | di Fabio Fiorucci

Cass. Civ.

Contratti bancari nell'impresa

È esclusa la rilevanza dell'attività svolta dal debitore principale per la qualificazione della posizione (di consumatore o no) del fideiussore. Il criterio per l'identificazione di un fideiussore quale consumatore...

Leggi dopo

Dall’eccezione di prescrizione dell’azione di ripetizione del correntista alla struttura del rapporto di conto corrente

10 Settembre 2019 | di Paolo Cagliari

Cass. Civ.

Contratti bancari nell'impresa

L’onere di allegazione gravante sull’istituto di credito che, convenuto in giudizio, voglia opporre l’eccezione di prescrizione al correntista che abbia esperito l’azione di ripetizione di somme indebitamente pagate nel corso del rapporto di conto corrente assistito da un’apertura di credito, è soddisfatto con l’affermazione dell’inerzia del titolare del diritto e la dichiarazione di volerne profittare, senza che sia anche necessaria l’indicazione di specifiche rimesse solutorie.

Leggi dopo

Modalità di adeguamento dei contratti bancari alla Delibera CICR 9 febbraio 2000

03 Giugno 2019 | di Fabio Fiorucci

Cass. Civ.

Contratti bancari nell'impresa

La delibera CICR 9 febbraio 2000 ha mantenuto intatto il proprio vigore anche dopo la pronuncia di incostituzionalità del comma 3 dell'art. 25 d.lgs. n. 342/1999 ed è, quindi, pienamente idonea a regolamentare, sul piano attuativo, la prescrizione concernente l'adeguamento dei contratti in precedenza conclusi al nuovo regime.

Leggi dopo

Brevi note su ISC e clausola floor nei mutui

07 Giugno 2018 | di Fabio Fiorucci

Tribunale di Bologna

Contratti bancari nell'impresa

L'ISC non ha alcuna funzione o valore di “regola di validità”, tanto meno essenziale, del contratto poiché è un mero indicatore sintetico del costo complessivo del contratto e non incide sul contenuto della prestazione a carico del cliente ovvero sulla determinatezza o determinabilità dell’oggetto contrattuale, definita dalla pattuizione scritta di tutte le voci di costo negoziali; l'indicatore sintetico di costo ha valenza di "regola di comportamento", comportante una mera obbligazione risarcitoria a titolo di responsabilità precontrattuale.

Leggi dopo

Presupposti di legittimità dell’imposta sostitutiva sui finanziamenti a medio lungo termine

16 Maggio 2018 | di Giovambattista Palumbo

Cass. Civ.

Contratti bancari nell'impresa

Ai fini della applicabilità dell'imposta unica, sostitutiva delle imposte ipotecarie, alle operazioni relative ai finanziamenti a medio e lungo termine, il presupposto di durata del vincolo contrattuale di più di diciotto mesi ricorre soltanto se la durata della operazione di finanziamento, che va desunta dalle clausole contrattuali del negozio sottoposto ad imposizione e non già dall'evolversi successivo del rapporto, supera di almeno un giorno i diciotto mesi.

Leggi dopo

Interessi moratori e usura: profili di illegittimità costituzionale

09 Marzo 2017 | di Fabio Fiorucci

Tribunale di Milano

Contratti bancari nell'impresa

Gli interessi di mora non rientrano nel perimetro di operatività degli artt. 644 c.p. e 1815, comma 2, c.c.; il loro eventuale assoggettamento al tasso soglia, calcolato con riferimento ai soli interessi corrispettivi, è privo di razionalità e censurabile ex art. 3 Cost.

Leggi dopo