Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

La tassazione della rinuncia dei crediti da parte dei soci

05 Marzo 2020 | di Fabio Gallio

Cass. Civ.

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

La rinuncia degli interessi maturati sui finanziamenti, che una fondazione aveva erogato nei confronti di una società partecipata, deve essere tassata in capo allo stesso socio.

Leggi dopo

La regola della postergazione non pregiudica la sottoscrizione del capitale con compensazione del credito

28 Novembre 2019 | di Martino Liva

Tribunale di Bologna

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

La disciplina in tema di postergazione dei finanziamenti soci di cui all'art. 2467 c.c. è posta a tutela delle aspettative dei creditori terzi e della società, a fronte di richieste di rimborso relative a crediti non ancora esigibili; la norma deve ritenersi applicabile per analogia anche alle società per azioni, ove abbiano una ristretta base azionaria e il socio finanziatore sia titolare di una posizione influente, o comunque informata, all’interno della società.

Leggi dopo

Postergazione dei finanziamenti soci e surroga legale

15 Ottobre 2019 | di Paolo Cagliari

Cass. Civ.

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Il pagamento, da parte di un socio, di un debito della società poi fallita rientra tra i finanziamenti in qualsiasi forma effettuati in una situazione finanziaria nella quale sarebbe stato ragionevole un conferimento e, come tale, è assoggettato al regime della postergazione a norma dell'art. 2467, comma 2, c.c., con la conseguenza che solo dopo che siano stati integralmente soddisfatti tutti gli altri creditori al socio potrà essere rimborsato il finanziamento, non potendosi invocare la surroga legale di cui all'art. 1203, n. 1), c.c.

Leggi dopo

Bancarotta fraudolenta e restituzione all’amministratore di finanziamenti in precedenza concessi

29 Luglio 2019 | di Ciro Santoriello

Cass. Pen.

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Integra l'ipotesi di bancarotta per distrazione la condotta dell'amministratore di una società, che, quale socio creditore della stessa, recuperi, in periodo di dissesto, finanziamenti da lui in precedenza concessi...

Leggi dopo

La natura «sostanziale» del regime della postergazione dei finanziamenti soci

20 Giugno 2019 | di Guido Romano

Cass. Civ.

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

La postergazione disposta dall’art. 2467 c.c. opera già durante la vita della società e non solo nel momento in cui si apra un concorso formale con gli altri creditori sociali, integrando una condizione di inesigibilità legale e temporanea del diritto del socio alla restituzione del finanziamento, sino a quando non sia superata la situazione prevista dalla norma.

Leggi dopo

La postergazione del finanziamento dei soci è applicabile anche alle s.p.a. chiuse

24 Settembre 2018 | di Serena Papini

Cass. Civ.

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Il principio di postergazione del rimborso del finanziamento dei soci è applicabile anche alle altre forme societarie, inclusa la società per azioni, se in concreto il giudice ritenga che l'organizzazione della società finanziata consenta al socio finanziatore di ottenere informazioni paragonabili a quelle di cui potrebbe disporre il socio di una società a responsabilità limitata, ai sensi dell'articolo 2476 c.c., in ordine alla sussistenza di un eccessivo squilibrio dell'indebitamento della società rispetto al patrimonio netto.

Leggi dopo

La natura imperativa della disciplina della postergazione e la perdita della qualifica di socio

23 Febbraio 2018 | di Martino Liva

Tribunale di Milano

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Le regole in tema di postergazione dei finanziamenti soci di cui all'art. 2467 c.c. - disciplina posta a tutela delle aspettative dei creditori della società - si caratterizzano quali norme imperative, non superabili in virtù di accordi convenzionali tra le parti, insensibili alle vicende successive e soggettive del socio finanziatore relativamente alla sua presenza nella compagine sociale.

Leggi dopo

La postergazione e la compensabilità tra credito da restituzione e debito da aumento di capitale

15 Maggio 2017 | di Angelo Lauria

Tribunale di Roma

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

L’obbligo del socio derivante dalla sottoscrizione di un aumento di capitale può essere estinto per compensazione con un credito vantato dal medesimo socio nei confronti della società. Tale compensazione non richiede il consenso della società, ma l’assemblea, nel disporre l’operazione sul capitale, può statuirne l’esclusione.

Leggi dopo

Al prestito obbligazionario non si applica la disciplina sulla postergazione

11 Aprile 2017 | di Martino Liva

Tribunale di Bologna

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

L'emissione di obbligazioni costituisce un'operazione soggetta a disciplina specifica da parte del legislatore, che ha previsto, tra l'altro, quale caratteristica del prestito obbligazionario, la natura cartolare, con conseguente facoltà di trasferibilità a terzi.

Leggi dopo

La postergazione dei finanziamenti dei soci

05 Aprile 2017 | di Marco Nicolai

Tribunale di Milano

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

La regola della postergazione del finanziamento dei soci, ex art. 2467 c.c., è applicabile anche se non ci si trovi in una fase di formale liquidazione della società, purché sussista uno stato di sostanziale insolvenza che giustifichi l’anticipazione della tutela dei terzi creditori rispetto a quella dei soci finanziatori.

Leggi dopo

Pagine