Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

La responsabilità degli amministratori per prosecuzione dell’attività d’impresa dopo la perdita di capitale sociale

30 Ottobre 2018 | di Martino Liva

Tribunale di Roma

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

L'organo amministrativo è tenuto a una vigilanza costante sulla sussistenza di una causa di scioglimento della società e, in particolare (per le società a responsabilità limitata), sull'accertamento delle fattispecie di cui agli artt. 2482-bis e 2482-ter c.c., che possono verificarsi, e normalmente si verificano, non solo al termine dell’esercizio, ma anche nel corso di esso. Una volta accertata l'esistenza di una perdita per oltre un terzo del capitale sociale, gli amministratori devono limitare gli atti gestori alla sola conservazione dell'impresa e convocare «senza indugio» l'assemblea.

Leggi dopo

La responsabilità degli amministratori non esecutivi di società di diritto comune e di società bancarie

29 Giugno 2018 | di Antonio Franchi

Cass. Civ.

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Per quanto specificatamente attiene ai consiglieri non esecutivi di società bancaria, l'art. 53, lett. b) e d) T.U.B., prevede che la Banca d’Italia emani disposizioni di carattere generale aventi ad oggetto, tra l’altro, il contenimento del rischio nelle sue diverse configurazioni e il governo societario, l’organizzazione amministrativa e contabile, nonchè i controlli interni e i sistemi di remunerazione e di incentivazione. Le disposizioni attuative sono state quindi dettate con le Istruzioni di vigilanza per le banche, mediante la circolare 21 aprile 1999 n. 229, e le successive modificazioni e integrazioni, le quali sanciscono doveri di particolare pregnanza in capo all’intero consiglio di amministrazione di azienda bancaria (e quindi anche dei consiglieri non esecutivi), che si incentrano, per l’intero organo collegiale, proprio in quel compito di monitoraggio e valutazione della struttura operativa.

Leggi dopo

La responsabilità degli amministratori non esecutivi di s.p.a. tra potere e dovere di informazione

26 Ottobre 2016 | di Cristina Cengia, Stefano Mascia

Cass. Civ.

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Gli amministratori di s.p.a. privi di delega sono responsabili per non aver impedito fatti pregiudizievoli che, in base al proprio dovere di agire in modo informato, erano da questi conosciuti o conoscibili, non sussistendo a loro carico un generale obbligo di vigilanza che li esponga ad una responsabilità di carattere oggettivo.

Leggi dopo

Amministratori e limiti all'insindacabilità delle scelte di gestione

15 Aprile 2016 | di Antonio Franchi

Tribunale di Roma

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

La diligenza richiesta all’amministratore è espressione del fondamentale principio di correttezza e buona fede richiamato in termini generali dagli artt. 1175 e 1375 c.c.Esso assume i caratteri del dovere di protezione dell’altrui sfera giuridica, connotandosi come dovere di prendersi cura dell’interesse di colui che ha incaricato il gestore dell’amministrazione delle proprie attività e, per ciò stesso, lo ha investito di un compito con indubbie connotazioni fiduciarie.

Leggi dopo

Responsabilità degli amministratori privi di deleghe

22 Febbraio 2016 | di Bianca Caruso

Cass. Civ.

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Sono responsabili gli amministratori privi di deleghe che colposamente non abbiano rilevato i segnali dell’altrui illecita gestione, pur percepibili con la diligenza della carica.

Leggi dopo

La responsabilità degli amministratori di s.p.a. e l’arbitrato; la rilevanza della condotta antigiuridica “per sé” degli amministratori

22 Settembre 2015 | di Antonio Franchi

Tribunale di Torino

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Non sussiste alcuna contraddizione fra la clausola (arbitrale) e la devoluzione in arbitrato delle controversie fra amministratori e fra amministratori e sindaci: si tratta di una scelta, discrezionale e per giunta razionale, mirata ad evitare l’appesantimento delle azioni di responsabilità verso gli amministratori con il fardello delle azioni di regresso fra i soggetti chiamati in responsabilità solidale.

Leggi dopo