Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Apporti in conto capitale, a fondo perduto e a copertura perdite

Qualificazione del versamento in conto capitale ed insinuazione al passivo

12 Aprile 2018 | di Daniele Fico

Cass. Civ.

Apporti in conto capitale, a fondo perduto e a copertura perdite

Non risulta condivisibile l’idea per cui la versione generica del versamento in conto capitale costituisca la regola e l’eccezione il versamento in conto determinato aumento. Trattasi di una questione di semplice interpretazione, che non soffre di presunzioni pregiudiziali.

Leggi dopo

Quando è rimborsabile il versamento del socio in conto futuro aumento di capitale

30 Novembre 2017 | di Martino Liva

Tribunale di Milano

Apporti in conto capitale, a fondo perduto e a copertura perdite

L’apporto di danaro a favore di una s.r.l. finalizzato alla sottoscrizione di un futuro aumento del capitale sociale (generalmente qualificato come “versamento in conto futuro aumento di capitale”), fa sorgere nei confronti del finanziatore – indipendentemente dalla sua qualifica di socio o terzo - un credito verso la società. Di conseguenza...

Leggi dopo

Versamenti ed utili d’esercizio: trasferibilità dei diritti di credito dei soci

30 Settembre 2015 | di Alberto Molgora

Cass. Civ.

Apporti in conto capitale, a fondo perduto e a copertura perdite

La cessione, separatamente dalla vendita della partecipazione sociale, del credito vantato dal socio nei confronti della società, quale restituzione di un’erogazione dal primo eseguita, dà luogo alla garanzia per l’inesistenza del credito di cui all’art. 1266 c.c. solo qualora risulti che la causa concreta del negozio posto in essere sia riconducibile ad un versamento assimilabile a capitale di rischio.

Leggi dopo

Versamenti in conto futuro aumento di capitale e diritti restitutori dei soci

22 Luglio 2015 | di Alberto Molgora

Tribunale di Roma

Apporti in conto capitale, a fondo perduto e a copertura perdite

I versamenti in conto futuro aumento di capitale, come tutti gli apporti eseguiti dai soci non a titolo di finanziamento, rappresentano dotazioni patrimoniali destinate a costituire vere e proprie riserve di capitale definitivamente acquisite dalla società, da collocarsi in bilancio fra le poste di patrimonio netto.

Leggi dopo