Focus

Focus

Early warning, allerta e probability of default nel nuovo Codice della crisi d’impresa

24 Maggio 2019 | di Stefano Bastianon

Crisi d'impresa e insolvenza

Il nuovo Codice della crisi e dell’insolvenza (CCI) definisce lo stato di crisi in termini di probabilità di futura insolvenza (c.d. probability of default). Per tale ragione, la corretta individuazione dello stato di crisi presuppone che i dati e le informazioni relative all’impresa non siano valutati ed analizzati unicamente in chiave storica, ma formino oggetto di un approccio prospettico necessariamente previsionale (forward-looking) in grado di cogliere tempestivamente i segnali di quella difficoltà economico e finanziaria che, ove non opportunamente corretta, può trasformarsi in insolvenza conclamata. In questa prospettiva devono essere lette le nuove disposizioni che disciplinano, sul piano oggettivo e soggettivo, la procedura di allerta.

Leggi dopo

L’attuazione della Direttiva (UE) 2017/828 sull’incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti

21 Maggio 2019 | di Claudio Sottoriva, Andrea Cerri

Società quotate

Il Consiglio dei Ministri ha approvato lo scorso 8 maggio 2019, in esame definitivo, un decreto legislativo che, in attuazione della direttiva (UE) 2017/828 del Parlamento europeo e del Consiglio, che modifica la direttiva 2007/36/CE, introduce nuove misure volte a incoraggiare l’impegno a lungo termine degli azionisti.

Leggi dopo

La responsabilità degli amministratori: guardare al passato, pensare al futuro e interpretare il presente

16 Maggio 2019 | di Luca Jeantet, Paola Vallino

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Alcune disposizioni del Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza sfuggono alla dilazione di diciotto mesi dell’entrata in vigore: l’operatività è scattata infatti lo scorso 16 marzo, a trenta giorni dalla pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Tra queste, le modifiche agli artt. 2476 e 2486 c.c., con attribuzione ai creditori sociali della relativa azione di responsabilità ed introduzione, nell'ambito della liquidazione giudiziale, di due parametri presuntivi di quantificazione dei danni arrecati dall’organo amministrativo in caso di mancato scioglimento della società e, dunque, in conseguenza della violazione dell’obbligo di conservazione dell’integrità e del valore del patrimonio sociale.

Leggi dopo

Cultura d’impresa, Intelligenza Artificiale e Unione Europea: una sfida da cogliere per creare prosperità

13 Maggio 2019 | di Paolo Costanzo

Assetti organizzativi dell'impresa

Il contesto competitivo globale impone alle imprese l’adozione di assetti organizzativi sempre più orientati alla efficiente ed efficace allocazione delle risorse quali elementi presupposto alla creazione e alla massimizzazione del valore per gli stakeholder, siano essi gli azionisti, i dipendenti, i clienti/fornitori, la comunità locale, l’ambiente, ecc.

Leggi dopo

Brevi riflessioni sulla nozione di crisi e di insolvenza del debitore nel nuovo Codice della crisi d’impresa

09 Maggio 2019 | di Daniele Fico

Crisi d'impresa e insolvenza

Il D. Lgs. 12 gennaio 2019, n. 14 (Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza), accanto alla definizione di insolvenza, intesa come impossibilità per il debitore a far fronte alle proprie obbligazioni, contempla quella di stato di crisi, da intendersi come difficoltà economica-finanziaria, sufficientemente grave, da rendere probabile l’avverarsi dello stato di insolvenza. Tale nozione, tuttavia, è stata criticata da parte della dottrina che si è interrogata sulla utilità di una definizione legale di crisi.

Leggi dopo

Rinuncia alla restituzione del finanziamento soci e relativi effetti

06 Maggio 2019 | di Pietro Pilello

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Una recente sentenza della Cassazione Penale ha riacceso il dibattito, invero mai sopito, sui finanziamenti dei soci nelle società a responsabilità limitata, con estensione degli effetti alle società per azioni a ristretta base societaria.

Leggi dopo

Gli effetti delle procedure concorsuali sul capitale sociale

02 Maggio 2019 | di Giannino Bettazzi

Capitale sociale

Ogni approccio al tema degli effetti delle procedure concorsuali sul capitale sociale muove inevitabilmente dal progressivo, e verosimilmente definitivo, superamento della tradizionale incompatibilità tra operazioni straordinarie e società in crisi. Com'è noto, infatti, l’originario assetto funzionale delle principali procedure concorsuali...

Leggi dopo

Il reddito d’impresa di “società a ristretta compagine sociale”

26 Aprile 2019 | di Mirella Guicciardi

Società di capitali

Non esiste una definizione giuridica di società a ristretta base sociale, né a base familiare. Di norma si fa riferimento alla "ristrettezza" della composizione societaria che determina la formazione di un'unica volontà, tipica di un gruppo ridotto di soci o legato da altri vincoli, quali quelli, per esempio, familiari. La legittimità o meno della presunta distribuzione, in capo ai soci, degli utili non contabilizzati da parte delle società a ristretta base societaria è, da anni, oggetto del dibattito giurisprudenziale e dottrinario.

Leggi dopo

La nuova nozione di intermediari finanziari e di società di partecipazione

15 Aprile 2019 | di Claudio Sottoriva, Andrea Almici, Luca Bonati

Intermediari finanziari

Il D.Lgs. n. 142/2018, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 28 dicembre 2018 riforma la normativa applicabile sotto il profilo tributario delle c.d. holding industriali per le quali sono previsti nuovi obblighi comunicativi all’Anagrafe Tributaria conseguenti all’approvazione dei bilanci di esercizio 2018.

Leggi dopo

Il diritto di controllo dei soci di s.r.l.: una panoramica giurisprudenziale

09 Aprile 2019 | di Simone Legnani

Controllo interno nella s.r.l.

Uno dei problemi che si pongono con maggior frequenza nella concreta operatività delle società a responsabilità limitata - come testimonia l’elevato numero di pronunce giurisprudenziali rese (per lo più in sede cautelare) sull’argomento - è senza dubbio quello dell’individuazione di presupposti, limiti e modalità di esercizio del diritto di controllo sulla gestione riconosciuto a ciascun socio non amministratore dall’art. 2476, comma 2, c.c.

Leggi dopo

Pagine