Focus

Focus

L’individuazione del titolare effettivo nella nuova normativa antiriciclaggio e i relativi obblighi di comunicazione al Registro delle Imprese

01 Settembre 2017 | di Luigi Mula

Società quotate

Tra le novità introdotte dal D. Lgs. 25 maggio 2017 n. 90 figura anche una nuova disciplina del titolare effettivo e dei relativi obblighi di comunicazione. Com’è noto, la disciplina in questione rappresenta il recepimento della IV Direttiva europea in materia di antiriciclaggio (UE) 2015/849 (di seguito “Direttiva”).

Leggi dopo

Riforma della redazione del bilancio di esercizio: la Circolare Assonime n. 14/2017

29 Agosto 2017 | di Claudio Sottoriva

Principi di redazione del bilancio

La Circolare Assonime n. 14 del 21 giugno 2017 si propone di fornire un primo quadro complessivo degli effetti della riforma recata dal D.Lgs. n. 139/2015 (di attuazione della Direttiva 2013/34/UE) alla disciplina del Codice Civile in tema di redazione del bilancio di esercizio delle società che non adottano i principi contabili internazionali IAS/IFRS. A tal fine, la prima parte della Circolare analizza gli aspetti civilistici e, cioè, le principali innovazioni apportate dal D.Lgs. n. 139/2015 e dai nuovi principi contabili nazionali OIC e il relativo impatto sull’informativa di bilancio. La seconda parte della Circolare entra nel merito applicativo di questi principi e dei conseguenti effetti fiscali, commentando le soluzioni tecniche individuate dall’art. 13-bis D.L. n. 244/ 2016 conv. con mod. in L n. 19/2017.

Leggi dopo

A.T.I.: responsabilità solidale delle imprese associate (e della capogruppo) per crediti da lavoro

23 Agosto 2017 | di Alessandro Corrado

Associazione temporanea di impresa

Le A.T.I. hanno la funzione di consentire alle imprese, che stipulino tra di loro un accordo in tal senso, la partecipazione ad appalti per i quali singolarmente non possiederebbero le caratteristiche adeguate. L’Autore si concentra, in particolare, sulla responsabilità solidale delle imprese associate (e della capogruppo) per crediti da lavoro vantati dal dipendente di una delle imprese.

Leggi dopo

La revisione della Direttiva sui diritti degli azionisti

31 Luglio 2017 | di Luigi Mula

Società quotate

Il 20 maggio scorso è stata pubblicata sulla GU dell’Unione Europea la Direttiva (UE) 2017/828 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 17 maggio 2017, che modifica la Direttiva 2007/36/CE relativa all’esercizio di alcuni diritti degli azionisti di società quotate (Shareholder Rights Directive, SRD) per quanto riguarda l’incoraggiamento dell’impegno a lungo termine degli azionisti. Gli Stati membri avranno fino a due anni per recepire le nuove disposizioni nel diritto interno.

Leggi dopo

Equity crowdfunding: excursus normativo e applicabilità alle S.r.l. - PMI

24 Luglio 2017 | di Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Crowdfunding

Il D.L. n. 50/2017 (c.d. Decreto Correttivo) ha esteso alle PMI costituite in forma di S.r.l. la possibilità di accedere all’equity crowdfunding quale forma di finanziamento caratterizzata dalla sottoscrizione on line, mediante offerta al pubblico, di partecipazioni al capitale sociale dell’impresa finanziata.

Leggi dopo

Il diritto alla difesa del socio occulto nel processo per la dichiarazione di fallimento in estensione

17 Luglio 2017 | di Simone Marzo

Socio occulto

Il processo per l’estensione del fallimento al socio illimitatamente responsabile la cui esistenza (o la cui assunzione di responsabilità illimitata) sia venuta alla luce dopo la dichiarazione di fallimento della società, ai sensi dell’art. 147, comma 4, l.fall., ha ad oggetto esclusivamente i presupposti per la dichiarazione del fallimento del socio, senza alcuna possibilità di riaprire la discussione sui presupposti per la dichiarazione di fallimento della società.

Leggi dopo

Illegittima segnalazione alla Centrale dei rischi e risarcimento del danno

11 Luglio 2017 | di Fabio Fiorucci

Centrale dei rischi

Gli intermediari devono informare per iscritto il cliente e gli eventuali coobbligati in occasione della prima segnalazione a sofferenza. Una illegittima segnalazione alla Centrale dei rischi (ad es. appostazione a sofferenza in mancanza dello stato di insolvenza) determina la responsabilità contrattuale ed extracontrattuale della banca. Il danno patito dal soggetto illegittimamente segnalato può essere patrimoniale e non patrimoniale; di tale danno occorre fornire circostanziata dimostrazione.

Leggi dopo

Linee strutturali per smaltire i crediti deteriorati

04 Luglio 2017 | di Biagio Riccio

Crisi bancarie

Il presente scritto si occupa della problematica, pregnante ed attuale, dei crediti deteriorati, ossia delle esposizioni bancarie nei confronti di soggetti in stato di insolvenza. Si tratta di un’analisi che, partendo dalle definizioni normative, si sofferma sulla incidenza dei crediti stessi sulle procedure fallimentari e sulla redditività delle imprese, indirizzandosi, poi, sulle modalità di smaltimento.

Leggi dopo

La trasferibilità del diritto di opzione e di sottoscrizione in caso di aumento del capitale sociale

27 Giugno 2017 | di Simone Marzo

Diritto di opzione

Nella disciplina delle società capitalistiche la rilevanza del capitale sociale si apprezza sotto due profili fondamentali. In primo luogo, sotto l’aspetto economico, il capitale sociale rappresenta l’insieme dei mezzi patrimoniali stabilmente destinati dai soci all’esercizio dell’attività sociale e che, quanto meno indirettamente, fungono da garanzia in favore dei creditori della società. Sotto un secondo profilo, il capitale sociale svolge un’importante funzione organizzativa, costituendo il termine di riferimento in relazione al quale definire e commisurare reciprocamente la posizione ed i diritti di ciascun socio all’interno della compagine sociale

Leggi dopo

Aggravamento del dissesto della società sovvenuta: onere probatorio e quantificazione del danno

19 Giugno 2017 | di Daniele Iorio

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Nell’ambito di un’azione del fallimento ex art. 146 l.fall., quando il danno non può essere provato in modo puntuale e specifico – ad esempio perché le scritture contabili non sono state tenute o non sono state tenute in modo regolare - può farsi ricorso, ex art. 1226 c.c., a criteri equitativi nella quantificazione del danno. Il ricorso a tali criteri di liquidazione del danno, tuttavia, non solo deve essere giustificato da circostanze che non hanno permesso l’accertamento degli effetti dannosi delle condotte contestate, ma i criteri stessi devono essere allegati in modo preciso nella loro astratta dimensione metodologica, e soprattutto devono risultare “plausibili” cioè capaci di produrre un risultato che rappresenti in modo comunque attendibile gli effetti patrimoniali dannosi del comportamento illecito addebitato agli organi sociali.

Leggi dopo

Pagine