Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Azioni esecutive verso soci illimitatamente responsabili di società in concordato

20 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Cuneo

Società di persone

La disposizione contenuta nell’art. 184 l.fall., che estende ai soci illimitatamente responsabili di società di persone l’efficacia remissoria del concordato preventivo, si riferisce ai soli debiti sociali, nel senso che il pagamento della percentuale concordataria ha effetto liberatorio anche nei loro confronti, senza con ciò determinare l’estensione della procedura al patrimonio dei soci, che resta estraneo ad essa.

Leggi dopo

Responsabilità per indebito rimborso dei finanziamenti dei soci

18 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

Sussiste la responsabilità dei soci che abbiano distratto in proprio favore, in assenza dei presupposti di legge, il corrispettivo incassato per la cessione di un bene aziendale, ritenendo illegittimamente che ciò costituisse la restituzione di precedenti corresponsioni in favore della società.

Leggi dopo

Limiti all’impugnazione di delibere di approvazione del bilancio

16 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Approvazione del bilancio

Nella redazione del bilancio, ai sensi dell’art. 2423-bis, comma 1, n. 1 c.c., la valutazione delle voci deve essere fatta […] nella prospettiva della continuazione dell’attività: la negatività del patrimonio netto costituisce al contempo una causa di scioglimento della società, se non accompagnata da adeguata ricapitalizzazione, sia un evento che pone in serio dubbio la continuità aziendale.

Leggi dopo

Denunzia al Tribunale, liquidazione della società e sospensione del procedimento

13 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Trento

Denunzia al tribunale e controllo giudiziario sulla gestione

Lo stato di liquidazione della società non è, di per sé, ostativo all’esercizio dell’azione di cui all’art. 2409 c.c., in caso di irregolarità degli amministratori.

Leggi dopo

Acquisizione di partecipazioni societarie: efficacia giuridica delle trattative

11 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Titoli azionari

In tema di acquisizioni di partecipazioni societarie, l’accordo delle parti indicato come “accordo quadro” non può essere considerato come negozio giuridicamente vincolante, non potendo dunque ricodurvisi i tipici effetti della disciplina contrattuale.

Leggi dopo

Illecita segnalazione a sofferenza di credito contestato

09 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Como

Centrale dei rischi

Non è lecita una segnalazione a sofferenza alla Centrale Rischi di un credito contestato (c.d. credito litigioso), qualora la contestazione abbia i caratteri della non manifesta infondatezza.

Leggi dopo

Market abuse: sì al doppio binario sanzionatorio

04 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Insider trading (abuso di informazioni privilegiate)

L’apertura di un procedimento penale, in materia di abusi di mercato, nei confronti di soggetti già sanzionati dalla Consob, in via amministrativa, ex art. 187-ter, comma 3, lett. a) e b) TUF, non viola il principio del ne bis in idem.

Leggi dopo

Concordato con riserva e atti di straordinaria amministrazione

03 Gennaio 2017 | di La Redazione

Tribunale di Napoli Nord

Concordato con riserva

Rispetto all’attività di impresa, il criterio distintivo tra atti di straordinaria e ordinaria amministrazione deve essere elaborato sulla base della particolarità dell’attività di gestione dell’impresa che si articola e si sviluppa su due linee direttrici.

Leggi dopo

Dimissioni del liquidatore di s.r.l. e nuova nomina da parte del Tribunale

30 Dicembre 2016 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Liquidazione di società di capitali

In caso di s.r.l. in liquidazione priva di fondi per l’attività liquidatorie, è opportuna la nomina, quale liquidatore, di un socio anziché di un professionista esterno alla società.

Leggi dopo

Provvedimento cautelare di restituzione dell’azienda per inadempimento dell’acquirente

27 Dicembre 2016 | di La Redazione

Tribunale di Genova

Cessione d'azienda

In caso di contratto di compravendita di compendio aziendale di ristorazione, nel caso in cui gli acquirenti, pur mantenendo il possesso produttivo, si rendano inadempienti sia verso la venditrice che verso il proprietario dei locali aziendali, determinando così uno sfratto per morosità, il periculum in mora è determinato dal fatto che se la parte venditrice non ritorna in possesso dell’azienda c’è il rischio che venga perso il valore di organizzazione e le potenzialità produttive e commerciali.

Leggi dopo

Pagine