Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Scioglimento di società di capitali per impossibilità di funzionamento o continuata inattività dell’assemblea

01 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Scioglimento delle società di capitali

Sussiste la causa di scioglimento della società, qualora sia venuta meno ogni fiducia reciproca fra i soci paritari, rendendosi impensabile – o comunque diseconomica – una prosecuzione secondo i meccanismi assembleari e gestori di legge e statuto dell’attività societaria.

Leggi dopo

Il sequestro di quote di s.r.l. è efficace con l’iscrizione nel Registro delle imprese

31 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Firenze

S.R.L.: disciplina generale

In tema di sequestro conservativo di quote di s.r.l., il legislatore è intervenuto sull’art. 2741 c.c. con il d.lgs. n. 6/2003, attribuendo a tale misura cautelare la forma di pignoramento documentale, in coerenza con la natura immateriale della quota.

Leggi dopo

La percentuale minima per impugnare l’approvazione del bilancio

28 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Approvazione del bilancio

La ratio dell’art. 2434-bis c.c. va ricondotta all’esigenza di porre un limite alle possibilità di attaccare le deliberazioni assembleari viziate.

Leggi dopo

Il beneficio di previa escussione del patrimonio sociale

27 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

S.N.C.

Il socio di una società in nome collettivo che abbia pagato un debito sociale può direttamente rivalersi nei confronti del consocio, tenuto in via di regresso a rifondere la parte di debito sociale su di lui gravante.

Leggi dopo

La mala gestio dell’amministratore prescinde dalle conseguenze delle sue scelte imprenditoriali

24 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Firenze

Responsabilità degli amministratori di s.p.a.

Non è ravvisabile la responsabilità per mala gestio dell’amministratore ogni volta che, alla stregua di un mero giudizio ex post, le sue scelte di strategia aziendale si siano rivelate errate.

Leggi dopo

Concordato in continuità con cessione d’azienda in esercizio: contenuto necessario del piano e delle attestazioni

21 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Concordato preventivo

Nella proposta di un piano concordatario in continuità sino alla cessione dell’azienda è necessario, ai fini dell'omologa, che sia indicato se l’attività sino al momento dell’omologa sia proseguita dal proponente ovvero dal promissario acquirente; oltreché è fondamentale la relazione di un professionista ove si attesti che la prosecuzione dell’attività sia funzionale al miglior soddisfacimento dei creditori.

Leggi dopo

Il diritto del socio di agire direttamente contro l’amministratore per i danni immediati e diretti

13 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Piacenza

Azioni individuali di responsabilità del socio o del terzo verso gli amministratori

Sussiste una assoluta identità tra la disposizione di cui all’art. 2476, comma 4, c.c. e quella di cui all’art. 2395 c.c. nella parte in cui si fa salvo il diritto del singolo socio di agire direttamente contro l’amministratore della società per i danni immediati e diretti da lui cagionati.

Leggi dopo

La società in house non fallisce

10 Agosto 2015 | di La Redazione

Corte d'appello de L'Aquila

Società in house

Qualora sussistano i tre requisiti tipici della società in house, questa non può essere dichiarata fallita.

Leggi dopo

SAS: impugnazione della delibera di esclusione del socio accomandatario

07 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Soci accomandatari e accomandanti nella s.a.s.

Va respinta la richiesta di sospensione della delibera di esclusione proposta dal socio accomandatario, qualora risulti che l’attore non abbia specificato i motivi di opposizione alla delibera di esclusione emessa nei suoi confronti dalla società in accomandita semplice.

Leggi dopo

Per promuovere l’azione di responsabilità contro gli amministratori è necessaria l’autorizzazione assembleare

06 Agosto 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Amministratori di s.r.l.

L'autorizzazione dell'assemblea al promovimento dell'azione di responsabilità nei confronti degli amministratori, richiesta dall'art. 2393 c.c., costituisce una condizione dell'azione, la cui esistenza va verificata d'ufficio dal giudice.

Leggi dopo

Pagine