Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Il commissario liquidatore incapace dopo la condanna penale decade dall’incarico

18 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Liquidazione coatta amministrativa

La pena accessoria dell’incapacità di esercitare uffici direttivi presso qualsiasi impresa comminata al commissario liquidatore comporta la decadenza dall’incarico, rilevabile anche d’ufficio.

Leggi dopo

La modifica dei diritti di partecipazione amministrativa legittima il recesso del socio dissenziente

17 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Diritto di recesso nella s.p.a.

Il diritto di recesso del socio di s.p.a., come risultante dalla riforma del 2003, risulta maggiormente aderente alla posizione del dissenso del socio di minoranza rispetto a modificazioni statutarie e ad altre vicende significative per l’assetto societario.

Leggi dopo

Approvazione del bilancio: compromettibilità in arbitri

15 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Bilancio d'esercizio

Il principio della non compromettibilità in arbitri delle delibere assembleari in materia di bilancio trova la sua ratio nell’inderogabilità dei principi normativi di redazione del bilancio, in quanto documento obbligatorio rivolto non solo ai soci ma alla generalità dei terzi, e non riguarda dunque i vizi relativi alla formazione della volontà assembleare, ma solo i vizi sostanziali di chiarezza e veridicità.

Leggi dopo

Revoca senza giusta causa del presidente del collegio sindacale di spa con partecipazione pubblica

14 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Napoli

Collegio sindacale di s.p.a.: nomina e composizione

Il provvedimento di revoca del presidente del collegio sindacale, operato dal socio pubblico, ha natura privatistica e ad esso deve applicarsi l’art. 2400, comma 2, c.c., con la conseguenza che la revoca è priva di efficacia finché non viene approvata dal Tribunale.

Leggi dopo

L'amministratore di s.r.l. che decide da sè il suo compenso compie grave irregolarità

11 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Amministratori di s.r.l.

La condotta dell'amministratore che procede autonomamente alla determinazione del proprio compenso costituisce una grave irregolarità, rilevante ai fini del disposto di cui all'art. 2476, comma 3, c.c.

Leggi dopo

Azioni proprie e quorum deliberativo

09 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Titoli azionari

In tema di quorum deliberativo per le decisioni dell’assemblea straordinaria di società chiuse, le azioni proprie possono essere equiparate ad azioni astenute dalla votazione.

Leggi dopo

Abuso di direzione e coordinamento

07 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Direzione e coordinamento e autonomia privata

Integra l’ipotesi di attività di direzione e coordinamento abusiva ed illegittima la condotta della società controllante che, nel momento in cui la controllata si trovi in condizioni di insolvenza tali da poterne comportare lo scioglimento, acquisti il principale asset della stessa a prezzo di liquidazione, mutando la composizione qualitativa del patrimonio della controllata a proprio vantaggio e con pregiudizio dei creditori.

Leggi dopo

L’onere della prova per il sindaco che chiede il proprio compenso

04 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Approvazione del bilancio

Al professionista che svolge le funzioni di sindaco di una società non spetta alcun onorario per la partecipazione alle assemblee aventi all’ordine del giorno l’approvazione del bilancio.

Leggi dopo

Qualificazione dei versamenti dei soci

03 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Palermo

Finanziamenti e apporti spontanei dei soci

In tema di società, la natura dei versamenti dei soci può ricavarsi dalla collocazione delle somme in bilancio (tra le riserve o tra i debiti), tenuto conto anche del tenore delle clausole statutarie e delle finalità pratiche al cui perseguimento il finanziamento appare preordinato.

Leggi dopo

SRL e responsabilità dell’amministratore di fatto verso la società e verso i creditori

02 Settembre 2015 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Azioni di responsabilità verso amministratori e soci di s.r.l.

In caso di fallimento di una società di capitali, le diverse fattispecie di responsabilità dell’amministratore, verso la società ex art. 2392 c.c. e verso i creditori sociali ex art. 2394 c.c., confluiscono in un’unica azione esercitabile dal curatore, ex art. 146 l. fall.

Leggi dopo

Pagine