Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Azione contro amministratori di s.r.l. fallita e quantificazione del danno

05 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Nell’ambito di un’azione esercitata dal curatore di una s.r.l. fallita, ai sensi degli artt. 2485 c.c. e 146 l. fall., risulta accertata la responsabilità degli amministratori che abbiano proseguito, per oltre due anni, l’attività di gestione della società, nonostante la presenza di una causa di scioglimento per erosione del capitale sociale...

Leggi dopo

Non è questione di competenza la distribuzione degli affari tra Sezioni Specializzate e ordinarie

04 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Sezioni specializzate in materia di imprese

La ripartizione delle funzioni tra Sezioni specializzate e sezioni ordinarie, all’interno del medesimo tribunale, non implica l'insorgenza di una questione di competenza, ma attiene alla distribuzione degli affari giurisdizionali all'interno dello stesso ufficio ...

Leggi dopo

La delibera di esclusione del socio è inefficace se non comunicata in modo idoneo

03 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Società cooperative

Nelle società cooperative, la deliberazione di esclusione del socio costituisce un atto unilaterale recettizio, che va ritenuto inefficace sino a quando non sia validamente comunicato.

Leggi dopo

I limiti della concorrenza sleale

30 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Catanzaro

Società di capitali

Una volta risolto il rapporto contrattuale con l’imprenditore, l’ex prestatore di lavoro, se non vincolato da specifici patti di non concorrenza ai sensi dell’art. 2125 c.c., resta libero di svolgere attività in proprio, con la conseguenza che non può ritenersi ingiusto il danno derivante da attività concorrenziale.

Leggi dopo

Diritto di recesso del socio per cambiamento significativo dell’oggetto sociale

29 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Diritto di recesso nella s.p.a.

Non tutte le modifiche dell’oggetto sociale legittimano il recesso da parte dei soci che non hanno concorso all’adozione della delibera, ex art. 2437, lett. a) c.c., ma solo quelle modifiche che comportano un cambiamento significativo dell’attività sociale.

Leggi dopo

Start up innovative: il controllo dell’Ufficio del Registro sull’oggetto sociale

27 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Torino

Start up innovativa

In tema di start up innovative, l’Ufficio del registro non è tenuto a compiere un controllo di merito sull’oggetto sociale della società che richieda l’iscrizione nella sezione speciale del Registro delle imprese; deve soltanto procedere a una verifica di regolarità formale dell’attestazione depositata.

Leggi dopo

Diritto di controllo del socio non amministratore sulla gestione societaria

24 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Controllo interno nella s.r.l.

Il diritto soggettivo potestativo del socio non amministratore di s.r.l. a esercitare un penetrante controllo sulla gestione societaria, di cui all’art. 2476, comma 2, c.c., si estrinseca nel diritto a consultare la completa documentazione sociale...

Leggi dopo

Intestazione fiduciaria di quote sociali: la tutela solo obbligatoria del fiduciante

22 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Azioni e quote

In caso di intestazione fiduciaria di quote di una società a responsabilità limitata, il pactum fiduciae ha efficacia meramente obbligatoria tra le parti: qualora il fiduciario alieni le quote, in violazione di tale patto, il fiduciante non ha tutela reale e non può rivendicare il bene.

Leggi dopo

Intestazione fiduciaria di quote e conflitto sulla proprietà: no al sequestro

21 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Napoli

Azioni e quote

Non è ammissibile, per carenza del fumus della misura cautelare, il sequestro giudiziario di quote sociali, in caso di conflitto sulla titolarità, conseguente a un negozio fiduciario.

Leggi dopo

La liquidazione giudiziale dei fondi d’investimento multicomparto

17 Marzo 2017 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Fondi comuni di investimento

L’estensione della liquidazione giudiziale a tutto il fondo multicomparto, qualora lo stato d’insolvenza e di crisi investa un solo comparto, sarebbe contraria alla consistenza ontologia del comparto, alla sua unicità di politica di investimento e al postulato dell’autonomia patrimoniale di ciascun comparto.

Leggi dopo

Pagine