Casi e sentenze di merito

Casi e sentenze di merito

Illegittimo il recesso del socio di società con durata superiore alla vita umana

11 Novembre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Diritto di recesso nella s.p.a.

Non è legittimo il recesso del socio, ex art. 2437, comma 3, c.c., da una società per azioni la cui durata ecceda la vita umana.

Leggi dopo

La decadenza sanzionatoria dei sindaci non è automatica

05 Novembre 2019 | di La Redazione

App. Catania

Collegio sindacale di s.p.a.: poteri, doveri e responsabilità

L'operatività della decadenza, nei casi di decadenza cd. sanzionatoria, di cui agli artt. 2404 e 2405 c.c., per mancata partecipazione del sindaco a due riunioni consecutive del collegio sindacale, o ad assemblee o adunanze del c.d.a. o del comitato esecutivo, non può essere automatica

Leggi dopo

Imprenditore fallito ed estensione del fallimento agli altri soci occulti

31 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Fallimento in estensione

L’imprenditore dichiarato fallito ha legittimazione di fare accertare, in caso di società irregolare, che l’attività economica era riferibile non ad un imprenditore individuale, ma bensì ad ente collettivo, chiedendo l'estensione del fallimento ai soci illimitatamente responsabili, ai sensi dell’art. 147, comma 4 l. fall.

Leggi dopo

La celebre foto di Falcone e Borsellino non costituisce opera d’arte tutelabile

25 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Diritto d'autore: disciplina generale

La fotografia quale opera d'arte, e come tale tutelabile ex artt. 2 e 87 ss. l.d.a., presuppone una lunga e accurata scelta, da parte del fotografo, del luogo, del soggetto, dei colori, dell'angolazione, dell'illuminazione, e si concretizza in uno scatto unico, irripetibile nel quale l'autore sintetizza la sua visione del soggetto.

Leggi dopo

I limiti dell'insolvenza prospettica

23 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Crisi d'impresa e insolvenza

In base all’attuale legge fallimentare l’insolvenza che giustifica una declaratoria di fallimento deve essere attuale, e non semplicemente “prospettica”. È solo “prospettica” l’insolvenza che ancora non si sia verificata, ma di cui sia possibile prevedere l’insorgenza futura in un determinato arco temporale.

Leggi dopo

Esclusione dal consorzio per la società in preconcordato

18 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Venezia

Consorzi e società consortili

Legittima la clausola statutaria che preveda l’esclusione ipso jure dal consorzio, “automaticamente e senza necessità di apposita delibera da parte del Consiglio Direttivo”, qualora la società consorziata abbia fatto istanza di ammissione a procedure concorsuali

Leggi dopo

Competenza delle Sezioni Specializzate per le controversie in materia di appalti

15 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Sezioni specializzate in materia di imprese

Le Sezioni Specializzate in materia di impresa sono competenti per le cause e procedimenti relativi a contratti pubblici di appalto di lavori, servizi o forniture di rilevanza comunitaria, ai sensi dell’art. 3, d.lgs. n. 168/2003

Leggi dopo

Competenza delle Sezioni Specializzate in caso di litisconsorzio successivo con impresa straniera

10 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Brescia

Sezioni specializzate in materia di imprese

La chiamata in garanzia di un soggetto avente personalità giuridica di diritto straniero non determina l’incompetenza sopravvenuta del tribunale correttamente adito secondo i criteri di competenza di cui al d.lgs. n. 168/2003.

Leggi dopo

L'azione sociale di responsabilità nel concordato con cessione dei beni

08 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Firenze

Azione sociale di responsabilità

Il decreto che omologa la proposta di concordato preventivo non può modificare il contenuto del piano; ne consegue che non si possono ritenere ceduti crediti non menzionati nel piano concordatario omologato.

Leggi dopo

Presupposti per la revoca cautelare del socio accomandatario

03 Ottobre 2019 | di La Redazione

Tribunale di Padova

Soci accomandatari e accomandanti nella s.a.s.

Nelle società di persone, non può essere accolta la richiesta cautelare di revoca del socio accomandante, per difetto del requisito del fumus boni juris, fondata su generiche contestazioni relative a prelevamenti di denaro dal conto corrente della società...

Leggi dopo

Pagine