Bussola

Amministrazione delegata

25 Giugno 2015 |

Sommario

Inquadramento | Amministrazione delegata e monitoring board | Autorizzazione assembleare e nomina | La competenza concorrente del c.d.a. e degli organi delegati | Funzioni degli organi delegati e competenza indelegabili | Responsabilità | La delega amministrativa nelle s.r.l. | Riferimenti |

 

In presenza di una previsione statutaria o di una deliberazione assembleare che lo consenta, il consiglio di amministrazione può delegare le sue attribuzioni – ad esclusione di alcune espressamente enumerate dalla legge – a sue singole componenti. Destinatari della predetta delega possono essere uno o più amministratori delegati (organi unipersonali) ovvero un comitato esecutivo (organo pluripersonale). Tra gli organi delegati e il c.d.a. si instaura una competenza c.d. concorrente: quest’ultimo determina contenuto, limiti ed eventuali modalità di esercizio della delega, è sempre libero di revocarla o di avocare a sé singole operazioni, ovvero di emanare direttive vincolanti. L’eventuale affidamento di una delega amministrativa, peraltro, assume rilievo anche sotto il profilo delle responsabilità (cfr. art. 2392, comma 1, c.c.). La riforma del 2003 ha operato un riparto di competenze tra amministratori delegati e organo amministrativo collegiale: i primi, tra l’altro, “curano” l’adeguatezza degli assetti organizzativi, amministrativi e contabili alla natura e alle dimensioni dell'impresa e riferiscono al c.d.a. e ai sindaci sul generale andamento della gestione e sulla sua prevedibile evoluzione nonché sulle operazioni di maggior rilievo effettuate dalla società e dalle sue co...

Leggi dopo