News

Nuova disciplina delle agevolazioni per le imprese in aree di crisi di industriale

21 Gennaio 2020 |

MISE

PMI

Nuovi criteri e modalità di concessione delle agevolazioni per imprese e PMI localizzate in aree di crisi industriale: il Ministero dello Sviluppo Economico, con Circolare 16 gennaio 2020, ha fornito chiarimenti sulla legge n. 181/1989, con l’obiettivo di rendere la misura più agevole e accessibile anche alle PMI e alle reti di impresa, dando priorità agli investimenti strategici ad alto contenuto tecnologico e con forte impatto occupazionale.  

La Circolare dà attuazione al decreto MISE 30 agosto 2019, pubblicato sulla G.U. del 17 ottobre scorso, che stabiliva, appunto, termini, modalità e procedure per la presentazione delle domande di accesso, nonché i criteri di selezione e valutazione per la concessione ed erogazione delle agevolazioni in favore di programmi di investimento finalizzati alla riqualificazione delle aree di crisi industriali.

Ora il MISE fornisce indicazioni sui criteri e l’iter di valutazione, sulle condizioni e i limiti di ammissibilità delle spese e dei costi, sulle soglie e i punteggi minimi ai fini dell’accesso alle agevolazioni. Sono, altresì, indicate le caratteristiche del contratto di finanziamento, le modalità, i tempi e le condizioni per l’erogazione delle agevolazioni.

Tra i soggetti beneficiari delle agevolazioni, vi sono quindi le società di capitali, comprese le cooperative e le società consortili, che, alla data di presentazione della domanda soddisfino alcuni requisiti; ma sono ammesse anche le reti di imprese e le piccole e medie imprese, grazie ad un limite minimo di investimento più basso, rispetto al passato, e all’introduzione di procedure semplificate per l’accesso ai benefici.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >