Giurisprudenza commentata

Le valutazioni dei crediti in bilancio: limiti e doveri imposti agli amministratori

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni | Osservazioni | Conclusioni |

 

In tema di iscrizione in bilancio dei crediti delle società, ai sensi dell'art. 2425, n. 6, c. c. (nel testo anteriore al d.lgs. n. 127/1991), il criterio legale del "valore presumibile di realizzazione" deve essere esercitato dagli amministratori alla stregua del canone generale della ragionevolezza della valutazione (o svalutazione) operata, con prudente apprezzamento della situazione patrimoniale ed economica del debitore e della sua solvibilità.

Leggi dopo