Giurisprudenza commentata

Dal principio del ne bis in idem l’attribuzione di un potere discrezionale senza limiti ai giudici nazionali

Sommario

Massima | Il caso | La questione | Le soluzioni giuridiche | Conclusioni |

 

Nella verifica della compatibilità con il principio del ne bis in idem del trattamento sanzionatorio complessivamente irrogato in caso di insider trading, il giudice deve valutare la proporzionalità del cumulo sanzionatorio rispetto al disvalore del fatto, da apprezzarsi con riferimento agli aspetti propri di entrambi gli illeciti (quello penale e quello "formalmente" amministrativo) e, in particolare, agli interessi generali sottesi alla disciplina in tema di insider trading

Leggi dopo