Focus

Centrale Rischi: considerazioni sull’aggiornamento della Circolare Banca d’Italia n.139/91

Sommario

Premessa | Fondamento normativo: struttura della centrale rischi, sua finalità | Presupposti per la segnalazione alla centrale rischi | Attività informativa ed obbligo di istruttoria. Necessità di un effettivo stato di insolvenza | Proposta di riforma, de iure condendo, del potere sanzionatorio nei confronti degli intermediari in caso di errore nella segnalazione alla centrale rischi |

 

Nel giugno del 2016 si è registrato il quindicesimo aggiornamento della Circolare n. 139/1991 della Banca di Italia in tema di Centrale rischi. Il recente aggiornamento ha previsto che le banche che effettuano una segnalazione erronea, su iniziativa della Banca di Italia che deve effettuarne l’ordine mediante PEC o fax, devono, entro i tre giorni lavorativi successivi a quello dell’invio della comunicazione, rettificare o riclassificare la posizione oggetto di accertamento, così come cristallizzata nel provvedimento giurisdizionale. In mancanza Banca di Italia procede all’irrogazione delle sanzioni di cui all’art. 144 TUB.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >