Focus

Brevi note sulla “gestione esclusiva dell’impresa” da parte degli amministratori di s.r.l.: distribuzione del potere decisionale e doveri gestori

Sommario

L’impatto delle nuove disposizioni in tema di “gestione esclusiva dell’impresa” sul quadro organizzativo del tipo s.r.l. | La questione della compatibilità con le competenze dei soci in materia di gestione: un primo tentativo di soluzione fondato sulla differenza tra organizzazione e gestione operativa | Le difficoltà che incontra la tesi della distinzione tra organizzazione dell’impresa e gestione operativa | “Dovere” di gestione e distribuzione del “potere” decisionale |

 

Il Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza (d.lgs. 12 gennaio 2019, n. 14) ha modificato diverse norme del Codice civile, tra queste l’art. 2475 c.c., il cui nuovo primo comma ora dispone che “la gestione dell’impresa si svolge nel rispetto della disposizione di cui all’art. 2086, secondo comma, c.c. e spetta esclusivamente agli amministratori, i quali compiono le operazioni necessarie per l’attuazione dell’oggetto sociale”.

Leggi dopo