Casi e sentenze di merito

Nulle le offerte di strumenti finanziari fuori sede senza il diritto di recesso

08 Gennaio 2019 |

Corte d'Appello di Torino

Intermediari finanziari

Il diritto di recesso, accordato all'investitore dall’art. 30, comma 6, TUF, e la previsione di nullità dei contratti in cui quel diritto non sia contemplato, contenuta nel successivo comma 7, trovano applicazione non soltanto nel caso in cui la vendita fuori sede di strumenti finanziari da parte dell'intermediario sia intervenuta nell'ambito di un servizio di collocamento prestato dall'intermediario medesimo in favore dell'emittente o dell'offerente di tali strumenti, ma anche quando la medesima vendita fuori sede abbia avuto luogo in esecuzione di un servizio d'investimento diverso, ove ricorra la stessa esigenza di tutela.

Il diritto di recesso deve intendersi correlato a qualsiasi operazione in virtù della quale l'intermediario offra in vendita a clienti non professionali strumenti finanziari al di fuori della propria sede, anche nell'espletamento di servizi d'investimento diversi, quali ad esempio quelli di negoziazione o di esecuzione di ordini enunciati all'art. 1, comma 5, lett. a) e b) TUF.

Leggi dopo

Le Bussole correlate >