Casi e sentenze di merito

Esclusa la sospensione della delibera per abuso di maggioranza senza elementi e indizi concreti

 

È da rigettare il ricorso, proposto dal titolare di una partecipazione sociale, finalizzato a chiedere la sospensione delle delibere assunte dalla assemblea dei soci aventi ad oggetto il mandato, conferito all’organo amministrativo, a vendere l’unica azienda ad un offerente già individuato, qualora lo stesso non fornisca validi ed univoci elementi probatori in punto di dimostrazione sia dell’asserita mancanza di chiarezza delle indicazioni fornite dall’organo amministrativo con riferimento alla situazione economica e finanziaria della società, sia della paventata condotta di abuso di maggioranza (cessione sottocosto dell’azienda ad una società riconducibile ad alcuni soci).

Leggi dopo