Autorità e Prassi

Guide Operative Consob per internalizzatori sistematici e per derivati su commodities

La Consob ha pubblicato la versione 1/2019 dell’1 agosto 2019 della Guida Operativa “Gli internalizzatori sistematici: definizione e obblighi di quotazione” che si rivolge alle imprese di investimento italiane definite internalizzatore sistematico secondo l’art. 4.1.20 Mifid II e alle imprese di paesi terzi che svolgono attività di internalizzazione sistematica in Italia tramite una succursale, ai sensi degli artt. 28 e 29-ter del Tuf.

La Guida riguarda la gestione degli obblighi relativi:

i) alla notifica dello status di internalizzatore sistematico;

ii) alle condizioni di operatività;

iii) alla pubblicazione di quotazioni irrevocabili relative a strumenti finanziari equity ed equity-like e strumenti finanziari non-equity;

iv) alle informazioni da fornire alla Consob.

La Guida riporta, inoltre, la descrizione delle modalità di adempimento ai suddetti obblighi ed è un aiuto per la gestione degli obblighi previsti dalla disciplina europea di livello 1, 2 o 3; delle indicazioni fornite dall’Esma sotto forma di Q&A; dell’interazione degli obblighi previsti dalla normativa europea con quelli previsti dalla disciplina nazionale.

 

La Consob ha anche pubblicato la versione 1/2019 dell’1 agosto 2019 della Guida Operativa “Derivati su merci: Esenzioni, Limiti di Posizione e Position Reporting” che si rivolge alle imprese di investimento che negoziano derivati su merci, secondo l’art. 2.1.30 Mifir, o quote di emissione e strumenti derivati sulle stesse, nonché ai loro clienti e alle persone che detengono posizioni aperte su strumenti derivati su merci.

La Guida riguarda la gestione degli obblighi relativi:

i) al regime di limiti sull’entità di una posizione netta su derivati su merce che può essere detenuta da una persona;

ii) al regime di reporting all’autorità competente delle posizioni nette sui derivati su merce.

La Guida riporta, inoltre, le modalità per usufruire dell’esenzione per lo svolgimento di attività di negoziazione o prestazione di servizi di investimento che sia ritenuta accessoria rispetto all’attività principale, “ancillary activity” ed è un aiuto per la gestione degli obblighi previsti dalla disciplina europea di livello 1, 2 o 3; delle indicazioni fornite dall’Esma sotto forma di Q&A; dell’interazione degli obblighi previsti dalla normativa europea con quelli previsti dalla disciplina nazionale.

 

Leggi dopo